Comuni

Scafati, sospetto caso scabbia all’ospedale Scarlato: “Cinque infermieri contagiati, rischio che la malattia si diffonda al di fuori del nosocomio”

Borrelli (Verdi): “Denuncia molto grave, qualora fosse vero esporrebbe pazienti e personale ad un forte rischio contagio. Abbiamo inviato una nota all’Asl per verificare la veridicità di quanto ci è stato riferito e per conoscere i provvedimenti da adottare”

 

 

Scafati, 12 Dicembre – “Un cittadino ci ha segnalato un caso scabbia all’ospedale Scarlato di Scafati. Stando a quanto ci ha riferito la malattia si sarebbe diffusa in seguito al ricovero di una paziente, giunta circa dieci giorni fa. Dopo il trasferimento al reparto di medicina generale avrebbe trasmesso la scabbia a cinque lavoratori. L’azienda sanitaria avrebbe avviato un’inchiesta interna, riscontrando effettivamente la presenza del virus all’interno della struttura. A fronte di tale evidenza la direzione dell’ospedale non avrebbe disposto la chiusura e la disinfettazione del reparto ma avrebbe semplicemente ordinato a infermieri e Oss di indossare i guanti lunghi. Il segnalante era particolarmente preoccupato dal rischio che qualche soggetto contagiato possa portare il virus all’esterno”.

Lo rende noto il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli. “Ho provveduto a inviare una nota all’Asl per verificare la veridicità della segnalazione. Qualora la denuncia fosse fondata ho chiesto di conoscere i provvedimenti che l’azienda ha in programma di adottare per fare in modo che ogni rischio contagio venga debellato”.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@sciscianonotizie.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa