Comuni

Saviano, maggioranza e opposizione: un pensiero stupendo…

Saviano, 24 Maggio – E tu, e noi, e lei…fra noi…vorrei, ma so…che lei…oh no…le mani, le sue…Non so se tra maggioranza e opposizione sia stato un pensiero stupendo, di certo è nato un poco strisciando. Un avvicinamento progressivo che ha eliminato ogni distanza tra le due parti politiche, due forze che fino a poco tempo fa si sono “date battaglia” in consiglio comunale, a colpi di dialettica, ostruzionismo.

Vorrei, per amore o per ridere. Forse. E tu, e noi, e lei fra noi, vorrei vorrei…e lei adesso sa che vorrei…Le mani, le sue…O prima o poi, poteva accadere sai, si può scivolare se così si può dire. E’ stato un pensiero stupendo, nato davvero strisciando a poco a poco. Ma è stato un avvicinarsi dettato dall’amore del paese, poiché maggioranza e opposizione hanno capito che bisognava unire le forze per uscire dall’impasse ventennale, da questo torpore ideologico che ha fermato il paese con un arresto intellettuale. E’ stata davvero una questione di cuore, di amore. Vorrei, per amore o per ridere, dipende.

No, tra maggioranza e opposizione non c’è stata nessuna lei, nessun terzo soggetto. Via libera, con un’unione che ha inglobato un po’ tutti. Ecco, forse il terzo non è uno solo, ma sono i terzi, sono i tanti che hanno condiviso il gioco di squadra, sempre legittimo. Le mani, le sue…e poi un’altra volta noi due…Ma i terzi sono forse anche i cittadini, che mai come in questa tornata elettorale si sono ritrovati davvero spiazzati dall’impossibilità di scegliere un’alternativa forte sul piano elettorale.

Senza nulla togliere alle altre forze alternative, che pure hanno realizzato una grande impresa scendendo in campo con le proprie idee e i propri programmi, con la propria identità. E tu, ancora e noi, ancora e lei un’altra volta fra noi, le mani questa volta sei tu, e lei e lei a poco a poco di più…vicini per questioni di cuore, se così si può dire. Tra i tanti, tra i molti si rischia di perdere il proprio io: come in un gioco a tre, in un pensiero stupendo che fa saltare i freni inibitori con una passione che spazza via ogni tipo di razionalità.

Un orgasmo elettorale, sesso politico senza amore programmatico. E le generazioni future si chiedono se siano state adottate le dovute precazioni. Pensiero stupendo, nasce un poco strisciando… E tu, ancora e noi, ancora e lei un’altra volta fra noi, le mani questa volta sei tu, e lei e lei a poco a poco di più di più, vicini per questione di cuore se così si può dire…dirò…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print