Comuni

Saviano, Illuminazione. Consigliere Tafuri:”Ho segnalato alle autorità competenti il paese al buio, si percepisce un crescente clima di sfiducia”

Saviano, 29 Gennaio – I problemi sofferti dal settore della pubblica illuminazione, nelle ultime settimane, rappresentano un dato oggettivo e incontrovertibile. Diverse sono le zone del paese rimaste completamente al buio, in particolar modo quelle di periferia. Per circa una settimana un breve tratto di via Cimitero non ha potuto usufruire del servizio della pubblica illuminazione, a causa delle lampade rimaste spente.

Situazione ancora più difficile quella registrata in via San Paolino e via Trezzelle: entrambe le zone sono state avvolte dall’oscurità per diverse sere, con conseguenti lamentele dei cittadini, preoccupati non soltanto per questioni di sicurezza stradale, ma anche per la propria incolumità, visto che le azioni criminose di malintenzionati sono aumentate notevolmente negli ultimi tempi. Sulla questione della pubblica illuminazione era già intervenuto con decisione Domenico Tafuri, consigliere di opposizione in quota Frastuono per Saviano, in due occasioni: la prima volta, insieme a Franco Nardi del Pd, fu firmato un manifesto che denunciava lo stato di abbandono del paese, rimasto al buio dopo che la maggioranza non si era presentata in consiglio; successivamente, lo stesso Tafuri aveva richiesto all’amministrazione un intervento risolutivo, per mettere fine alle criticità verificatesi nel settore della pubblica illuminazione.

Le incertezze registrate nelle ultime settimane hanno spinto Tafuri a rimarcare alcuni concetti che aveva già illustrato in maniera completa proprio durante i suoi precedenti interventi. “L’operazione di trasparenza che sto portando avanti dall’ingresso in consiglio comunale è l’obiettivo principale: sono certo che darà i suoi frutti, anche se lamento una ‘solitudine istituzionale’. A partire dalle ‘luci’, appena qualche giorno fa segnalavo alla autorità competenti il paese al buio, ma di fatto emerge uno spaccato di questa terra piuttosto preoccupante, nel quale si percepisce il crescente clima di sfiducia: ‘tutti maggioranza…pieni di vane speranze’, una sola voce di opposizione, un blog di attivisti passionari e tante inadempienze che richiedono una costante vigilanza”.

Dalle parole di Tafuri emerge, quindi, una situazione politicamente molto difficile: una solitudine istituzionale che viene accentuata dalla significativa espressione ‘tutti maggioranza’, ma soprattutto dal fatto che ormai l’opposizione si è ridotta ad un’unica voce che, insieme all’opera di un blog di attivisti passionari, non può certo cambiare la rotta che sembra aver già segnato il futuro del paese. Nonostante ciò, l’operazione di trasparenza iniziata da Tafuri resta l’obiettivo principale della sua presenza in consiglio comunale.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print