Comuni

Sant’Antimo, Rifiuti. Coordinatore centrodestra Chiariello:”Gravissima pagliacciata del sindaco Russo, ennesimo schiaffo agli operatori ecologici”

Napoli, 11 Settembre – “Immemore delle mancate promesse di maggio scorso, fregandosene altamente della ‘diffida’ ricevuta il 23 agosto scorso dalla banca che ha acquistato i crediti della Cite, cioè un documento che obbliga il Comune a evadere tutte le fatture e i pagamenti direttamente presso l’istituto stesso, oggi il sindaco di Sant’Antimo ha invitato i 55 operatori ecologici del consorzio presso la Ragioneria del Comune perché potessero ricevere direttamente dall’amministrazione comunale gli stipendi arretrati, oltre alla quattordicesima.

Non sappiamo se questa bella trovata sia il frutto del lavoro intellettuale del Tavolo dei Saggi con il quale ha inaugurato il suo mandato (ancora oggi non ci è dato sapere chi fossero), ma immaginiamo l’esito”. Lo afferma Corrado Chiariello Consigliere comunale, Coordinatore delle forze politiche di opposizione del centrodestra del Comune di Sant’Antimo, per il quale “siamo dunque all’ennesima farsa, siamo ad una ulteriore intollerabile mortificazione della dignità dei lavoratori e delle loro famiglie”.

“Per quanto ci riguarda, questo signore deve smetterla di illudere gli operai, di gettare fumo negli occhi di una città ridotta allo stremo, deve andarsene a casa”, aggiunge. “E noi, possono starne certi lui e i suoi lacchè, faremo di tutto per liberare Sant’Antimo da questa iattura”, conclude Chiariello.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa