Comuni

Sant’Antimo, consiglieri centrodestra:”Fornitori al palo, grave omissione del sindaco la mancata approvazione del peg”

Sant’Antimo, 14 Giugno – “Ci chiediamo che cosa configuri, se non una grave omissione amministrativa, la mancata approvazione del piano economico di gestione che il sindaco avrebbe dovuto varare entro 20 giorni dall’approvazione del bilancio, cioè il 20 maggio. Ce lo diranno certamente i revisori dei conti ai quali, già nelle prossime ore presenteremo un dettaglio esposto”. Lo rendono noto i consiglieri di opposizione di centrodestra del Comune di Sant’Antimo (Na) Annarita Borzacchiello, Vito Cesaro, Corrado Chiariello e Innocenzo Treviglio.

“Per ora – aggiungono – sappiamo con certezza che questa grave e ingiustificabile omissione impedisce il pagamento dei fornitori, molti dei quali in attesa del dovuto da almeno tre mesi”. “Vale la pena ricordare – sottolineano poi gli esponenti di centrodestra -, che tutto questo comporterà, a carico del cittadino, ulteriori debiti da mancato pagamento”.

“Parliamo intanto di servizi essenziali come l’asilo nido, l’assistenza domiciliare ai bisognosi, quelli attinenti alle strade e all’igiene urbana, giusto per fare qualche esempio. Parliamo di un’incapacità assoluto di governance della macchina comunale. Parliamo di un’amministrazione che prima va a casa e meglio è per Sant’Antimo”, concludono gli esponenti di opposizione di centrodestra.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print