Comuni

Sant’Antimo, Chiariello-Tarantino (CDX): “Dimissioni ragionier capo? Ora tocca a Russo”

Sant’Antimo, 26 Ottobre – “In un Paese normale, la continua fuga a gambe levate di assessori e dirigenti esterni incaricati o assunti perché di assoluta fiducia di un sindaco rappresenta un fatto grave. Tanto più se ricoprono incarichi in settori chiave dell’amministrazione”. Lo affermano i consiglieri comunali di opposizione di Sant’Antimo Corrado Chiariello e Ivana Tarantino per i quali “le dimissioni del dottor Cilento, rassegnate ufficialmente e taciute dal sindaco Russo che, anziché lavorare e spiegare il fuggi fuggi generale, preferisce puntare l’indice sulle precedenti amministrazioni con notizie false e destituite di ogni fondamento, azzerano completamente e definitivamente la credibilità di un’amministrazione con la quale nessuno vuole più avere a che fare. Forse anche in virtù della già denunciata illegittimità del ricorso agli incarichi ex articolo 110 del Tuel”.

“Il sindaco, tanto più in ragione delle comprensibili accuse di familismo, di clientelismo e di una grave incapacità amministrativa che si traduce nel degrado che è sotto gli occhi di tutti, spieghi che cosa ha fatto in questi quasi due anni di mandato per risolvere uno solo dei problemi che strumentalmente sbandiera ai quattro venti oppure si assuma la piena responsabilità del suo fallimento. Ne tragga poi le debite conseguenze e rimetta il mandato nelle mani dei malcapitati cittadini”, concludono gli esponenti di centrodestra.

image_pdfimage_print