Comuni

Sant’Antimo, Chiariello (CDX): “Seriamente preoccupato per l’ex sindaco Russo”

Sant’Antimo, 12 Agosto – “Spero si tratti di qualcosa di passeggero magari dovuto alla canicola di questi giorni ma le farneticazioni social dell’ex sindaco Russo mi preoccupano seriamente: confonde l’azione dello Stato, come ha sempre fatto col Centro Sportivo e i beni conficcati alla Camorra, con un ruolo, il suo da ex sindaco, servito peraltro solo a rovinare e a sfruttare in modo clientelare due grandi opportunità.
Afferma di aver ridotto le tasse, qualcuna forse nella sua fantasia, che invece sono aumentate senza nessun beneficio per i cittadini. Anzi, le disastrose condizioni di degrado in cui versa una città nella quale si è atteso ben due anni per rescindere un contratto con un consorzio rifiuti inadeguato e nella quale la raccolta differenziata diminuisce spaventosamente anziché crescere, dimostra ampiamente quali siano questi presunti benefici. Sul deficit, divenuto con lui, per la prima volta, strutturale, si è comportato con una leggerezza a dir poco sospetta onorando solo alcune esposizioni senza provare neppure a portare avanti le contestazioni avviate in precedenza. Quanto al vanto sul personale chiamato al Comune e ben selezionato dal locale servizio civile,  siamo alla più pura cialtroneria clientelare perché oltre ad essere nuovo precariato quelle che lui definisce eccellenze altro non sono che amici o amici degli amici, come abbiamo peraltro prontamente denunciato in tempi non sospetti”.
Lo afferma Corrado Chiariello ex coordinatore dei consiglieri di opposizione di centrodestra del Comune di Sant’Antimo, per il quale “la cosa davvero triste è che alle farneticazioni non ha esitato a sommare evidenti falsità a partire da quelle sulle nuove opere cantierizzate grazie ai fondi ottenuti dall’amministrazione Piemonte a cominciare dai lavori di adeguamento degli alloggi della 219 fino alle strade per le quali il sindaco ha avuto anche il cattivo gusto di rimodularne i progetti inserendo alcune arterie dove risiedono ex amministratori comunali, prima fra tutte la sua Via Sambuci”. 
“Stia comunque sereno l’ex sindaco: tutti questi progetti, peraltro finanziati dalla precedente amministrazione –aggiunge Chiariello -, continueranno ad andare avanti anche e soprattutto grazie alla presenza del Commissario Prefettizio e non vediamo perché non dovrebbe essere così anche se ben comprendiamo le ragioni di tanto astio nei suoi confronti”. “Che fa il paio con quello mostrato nei confronti dei Revisori dei Conti ed anche della Commissione d’Accesso”, conclude Chiariello.
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print