Comuni

SANT’ANTIMO, Chiariello (CDX): “Avevamo ragione, tutto da rifare”

Napoli, 28 Settembre – “Avevamo ragione, tutto da rifare. Apprendiamo della bocciatura che il Collegio dei Revisori dei Conti avrebbe riservato agli atti amministrativi relativi alla gara, per noi palesemente illegittima perché senza copertura finanziaria, del Puc di Sant’Antimo. Una vicenda, questa, che se il sindaco immagina di risolvere con una Variazione di Bilancio, assumerebbe contorni addirittura grotteschi. Ribadiamo il concetto a chi non vuol sentire: le coperture vanno trovate prima, non dopo”.

Lo afferma il consigliere comunale di Sant’Antimo, Corrado Chiariello, coordinatore dei consiglieri comunali di Opposizione, per il quale “i continui svarioni del sindaco Russo scanditi in maniera spregiudicata e cosciente (non ha infatti avuto problemi a confermare la mancata copertura della gara) non solo mettono a rischio dissesto il Comune ma espongono politicamente, civilmente e penalmente non solo lui ma tutti gli amministratori di maggioranza. Per non parlare dei funzionari comunali”.

“Questi atti, ed in particolare la determina della Responsabile dell’Ufficio Urbanistica – rimarca dunque Chiariello – vanno revocati. Non vogliamo neppure sapere le ragioni o gli interessi per i quali il sindaco continui ostinatamente a voler andare avanti su un terreno così azzardato”. “Se ne faccia una ragione: questi provvedimenti relativi al Puc, e da lui strenuamente e stranamente difesi, sono illegittimi”.

image_pdfimage_print