Comuni

Santa Maria Capua Vetere, il cimitero trasformato in autolavaggio tra degrado e loculi danneggiati

Verdi: “Situazione indegna e lesiva della sacralità del luogo, degrado dilagante nelle strutture cimiteriali campane”

 

 

Santa Maria Capua Vetere, 11 Luglio – “Ci sono stati segnalati diversi post apparsi sulla pagina Facebook ‘Ciò che vedo in città – SMCV” che mostrano le condizioni di assoluto degrado del cimitero di Santa Maria Capua Vetere. Addirittura in un’immagine si nota un uomo che, dopo aver collegato una cannula ad una fontana, è intento a lavare la sua automobile tra cappelle e tombe. In pratica il cimitero è stato trasformato in un autolavaggio. Tale situazione è assolutamente indegna e altamente lesiva della sacralità di un luogo che dovrebbe caratterizzarsi per il decoro. Il caso del lavaggio auto non è l’unica criticità. L’erba è altissima e probabilmente non viene tagliata da mesi. Sono diversi inoltre i loculi danneggiati con marmi spaccati e suppellettili distrutte”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e della segretaria provinciale del Sole che Ride di Caserta Rita Martone. “Ringraziamo l’assessore ai Servizi Cimiteriali Virgilio Monaco e gli agenti della polizia municipale che in seguito alle segnalazioni hanno provveduto a identificare e sanzionare l’uomo che ha lavare l’auto. Purtroppo il degrado strutturale e le vandalizzazioni sono un problema comune a molte strutture cimiteriali della Campania. Negli ultimi mesi, infatti, abbiamo denunciato a più riprese tali criticità anche in altri comuni”.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@sciscianonotizie.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa