Politica

SANITÀ. A. Cesaro (FI): “Su depotenziamento Rummo pronti a presentare mozione”

Napoli, 7 Maggio – “Se a due anni dalla pubblicazione del decreto 70 il rischio che il Sannio perda il suo unico Dea di 2° livello si fa sempre più concreto lo dobbiamo solo ed esclusivamente alla scarsa considerazione del governatore De Luca per i problemi delle aree interne”. Così, a margine della conferenza stampa sul ridimensionamento dell’ospedale Rummo svoltasi presso Palazzo Mosti a Benevento, il Presidente del Gruppo di Forza Italia del Consiglio regionale della Campania, Armando Cesaro, per il quale “l’allarme e la sfiducia dei cittadini sanniti è dunque più che comprensibile”.

“Nei fatti – sottolinea l’esponente di Forza Italia – mentre l’annunciata proroga alle prescrizioni del Decreto 70 non arriva, gli unici risultati fin qui conseguiti sono la modifica di un Atto Aziendale che non fa ben sperare, lo smantellamento del presidio ospedaliero di sant’Agata dei Goti e la scelta, peraltro comprensibile, di alcuni apprezzati chirurghi del Rummo di ‘riparare’ altrove”.

“Siamo pronti a portare nell’Aula del Consiglio regionale, dove presenteremo una mozione ad hoc, – annuncia Cesaro – l’intera problematica per scongiurare che il Sannio perda una risorsa sanitaria di eccellenza a dir poco fondamentale per i suoi cittadini”.

Per Cesaro “alla fine, i nodi vengono sempre al pettine: questa è l’attenzione di questo governo regionale riservata al Sannio”. “Non proprio la stessa, per capirci, che si è voluta dedicare all’azienda ospedaliera salernitana Ruggi D’Aragona”, conclude il Capogruppo regionale campano di Forza Italia.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print