San Vitaliano, nel ricordo di Umberto Quinzio ad un anno dalla sua scomparsa

San Vitaliano, 15 Aprile – Il 22 Aprile di un anno fa, l’Aus. di Polizia Municipale Umberto Quinzio, dipendente della Casa Comunale di San Vitaliano, lasciava questa terra dopo una breve e sofferta malattia per raggiungere la Patria celeste. Umberto per innumerevoli anni ha servito il suo Comune e i suoi compaesani con professionalità, rispetto e grande spirito del dovere. Esempio per tutta la comunità ma soprattutto per i giovani, di buona educazione morale, lealtà, e grande senso civico: valori indispensabili per una società all’insegna della legalità e della giustizia locale.

Uomo dal grande spirito umano, distintosi nel corso degli anni per l’impegno e la dedizione profusa durante le diverse attività, compresa quella di controllo, per il rispetto delle leggi, delle regole, delle norme di convivenza civile e del decoro urbano. Umberto ha onorato la divisa che ha indossato, aiutando chiunque ne avesse bisogno, mostrandosi sempre disponibile verso gli ultimi, guida per la sua famiglia e punto di riferimento per i tanti che ricorrevano a lui negli anni che ha compiuto il suo servizio fino a guadagnarsi nel tempo l’apprezzamento di tutti. Nonostante le continue prove di ogni genere, è stato sempre uomo attento, esempio di altruismo e di grande coraggio civico, amante della sua terra, la terra dei suoi figli. Era suo il motto:”al dovere non posso rinunciare!” Coscienzioso servitore, pronto ad assicurare con rispetto il prestigioso ruolo che svolgeva quotidianamente, nell’interesse esclusivo della nostra comunità, senza mai indietreggiare difronte a nessun incarico, affinché la sua San Vitaliano crescesse nell’ordine.

Dopo una vita dedicata al lavoro, alla protezione e vigilanza delle nostre strade, ad un anno da quando Umberto ha smesso di essere il custode del nostro territorio, affinché il suo ricordo, ma soprattutto i suoi insegnamenti rimangano vivi nei ricordi di quanti lo hanno conosciuto, sarà dedicata a lui la Santa Messa per il Primo Anniversario della sua morte nel giorno 23 Aprile alle ore 19:00, presso la Chiesa Parrocchiale di San Vitaliano in piazza Tofano. Una preghiera al fianco dei suoi familiari, amici e colleghi che lo hanno definito uomo ligio al suo dovere di cittadino, agente e padre.