Comuni

San Vitaliano, Amministrative 2018. Mascia:”Il mio impegno principale riguarderà il mondo della scuola e la formazione dei giovani”

San Vitaliano, 23 Maggio – La campagna elettorale della lista “San Vitaliano Rinasce” è nel pieno fervore. Ad affiancare il Dott. Raimo Pasquale in questo periodo di propaganda per la guida del Palazzo Comunale, si presenta la Prof.ssa Mascia Ivana. Trentottenne, laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”,è sposata e mamma di due bimbi di 10 e 6 anni. Inoltre, è docente presso l’IC “Omodeo-Beethoven “di Scisciano-San Vitaliano. Mascia è Rappresentante dei genitori nel Consiglio d’Istituto e Socia di due Associazioni attive nel sociale e a scopo benefico. L’abbiamo incontrata per conoscerla meglio.

Quale strategia o metodo di comunicazione sta usando in questa campagna elettorale per accaparrarsi la fiducia dei cittadini?

Ho iniziato questa mia prima campagna elettorale affiancando all’uso dei social,il tradizionale porta a porta.Affermava Plutarco nei suoi scritti etici che “la natura ci ha dato due orecchie e una sola lingua perché siamo tenuti più ad ascoltare che a parlare.” È proprio così.La mia è la campagna dell’ascolto.Incontrare i cittadini,ascoltare le loro istanze ed esperienze è una delle mie priorità.Ogni giorno sto compiendo tra le strade di San Vitaliano,un vero e proprio tour durante il quale ho la possibilità non solo di rivedere e chiacchierare con vecchi amici del nostro progetto politico,ma anche di conoscerne nuovi.Questi incontri mi permettono di coinvolgere i cittadini nella rinascita del paese formando con loro una vera squadra.Tutto questo è per me un privilegio e un’esperienza incredibile.In sintesi ,importante è il contatto diretto con tutti”.

Se dovesse ricevere il consenso dei cittadini, quale sarebbe la prima cosa che vorrebbe affrontare per il bene del paese?

Il mio impegno principale riguarderà il mondo della scuola e tutto ciò che ruota intorno ad essa.La formazione dei giovani è importante e bisogna fare il possibile per metterli nella migliore condizione perché abbiano una buona preparazione.Bisogna fare in modo che i ragazzi vadano volentieri a scuola mettendo loro a disposizione tutte le strutture che consentono di starci quanto più a lungo possibile.Noto che accanto ai diversi plessi ci sono delle strutture chiuse,inutilizzabili da quando sono state costruite.Bisogna aprirle,farle funzionare!I ragazzi devono stare a scuola con piacere,devono sapere che in essa oltre allo studio possono giocare,possono trascorrere in armonia e in piena sicurezza il tempo dedicato allo svago”.

Quali problemi crede vadano affrontati con maggiore urgenza?

San Vitaliano vive attualmente numerose criticità:la scuola,l’ambiente,la viabilità lungo via Nazionale dove il traffico,per diverse motivazioni,in parecchie ore del giorno è caotico,a volte addirittura asfissiante.La migliore soluzione delle stesse,dovrà essere frutto di uno studio serio,appropriato e di squadra anche per evitare di trovarsi coinvolti in provvedimenti calati chissà da dove senza un minimo di ricerca e approfondimento.Il tutto affinché si arrivi ad una migliore vivibilità e tranquillità”.

Ogni progetto ha un costo. Quali secondo lei i metodi per sostenere una buona gestione dei conti pubblici?

Predisposizione di un ufficio dedicato all’acquisizione di informazioni sui programmi e sulle opportunità di finanziamento dell’Unione Europea.Attivare,quindi,uno strumento operativo che metta in relazione le opportunità comunitarie con le concrete esigenze del nostro territorio per la presentazione di progetti. Si farà ricorso ove necessario a forme di finanziamento pubblico-privato per la realizzazione di opere prioritarie mantenendo da parte del comune un ruolo di controllo e di indirizzo generale.L’azione amministrativa assicurerà una corretta e sana gestione dell finanze comunali. Le entrate e le eventuali spese saranno programmate nell’ottica di massimizzazione di tutte le risorse”.

Come pensa di coinvolgere i cittadini nei suoi progetti?

“Una forma di partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica del proprio paese potrebbe essere il bilancio partecipativo.Strumento,per attivare e coinvolgere la comunità nella progettazione e gestione di iniziative condivise per il territorio.Significherebbe dare ai cittadini la possibilità di intervenire nella suddivisione delle risorse economiche dialogando con noi amministratori,indicando i bisogni e mettendo a disposizione le proprie competenze.A tale fine è importante tenerli costantemente informati su ciò che l’amministrazione ha intenzione di fare”.

Perché i cittadini dovrebbero votarla?

Fare politica per una donna è una scelta di vita.Ho risposto sì all’invito fattomi ,nella consapevolezza che questo impegno avrebbe tolto tempo alla mia famiglia,al mio essere moglie e madre,ma questo non mi ha spaventata.Sono una donna determinata e con le idee abbastanza chiare pronta a mettersi in discussione per il proprio paese. Amo San Vitaliano.Qui sono nata e cresciuta. Qui ho deciso di vivere con Luca,qui sono nati i miei figli,qui ho scelto di lavorare quest’anno, qui ho i miei affetti più cari.La mia candidatura vuole essere un tassello nella rinascita di un paese nel quale per i bambini sia facile crescere e per gli anziani sia piacevole invecchiare. Credo ne lavoro di squadra, nell’assunzione delle responsabilità e nella valorizzazione delle energie e delle idee innovative.Ci metto la mia storia, le mie competenze professionali, le capacità di ascolto,di armonizzare i contrasti, di unire.La passione ideale e civile. Ci metto il cuore, la semplicità e l’umiltà”.

image_pdfimage_print

Laureando in Scienze Politiche. Appassionato di Giornalismo, Televisione e del mondo della Comunicazione. Tra le sue ambizioni, oltre quella di diventare giornalista d’inchiesta, anche quella di affermarsi come Autore Televisivo. Attualmente Addetto Stampa per l’ASD Lausdomini, Real Futsal San Vitaliano e ASD San Vitaliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *