Comuni

San Sebastiano al Vesuvio, un cane e un gatto senza vita con il sangue che cola dalla bocca accatastati

Verdi: “Ennesimo atto di violenza ai danni degli animali, è una spirale che ci preoccupa. Dal coniglio Roger al gattino lapidato a Volla, troppi casi nell’ultimo mese”.

 

 

Napoli, 16 Settembre – “Ci sono stati segnalati i post apparsi nel gruppo Facebook “Sei di San Sebastiano se…” che mostrano un cane e un gatto senza vita accatastati, uno sull’altro, nei pressi di via Roma a San Sebastiano al Vesuvio. Dalla bocca delle due carcasse è colato del sangue. Molto probabilmente sono stati uccisi da qualcuno. Si tratta dell’ennesimo gesto criminale a danno degli animali. Oramai la situazione è fuori controllo, siamo di fronte ad una spirale che ci preoccupa”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Dal caso del coniglio Roger lapidato a Lacco Ameno al povero gattino condannato alla stessa orrenda fine a Volla, passando per la grotta degli orrori con cadaveri di conigli a Casamicciola Terme e il cane bruciato con l’acido a Mondragone, siamo di fronte ad un numero di casi elevatissimo, concentrati tra l’altro in un intervallo particolarmente breve. Alla cittadinanza chiediamo di denunciare senza esitazione. E’ ora di dire basta a questa assurda mattanza. Occorre allertare le forze dell’ordine con la massima celerità quando si assiste ad un atto di violenza di questo tipo. Solo così si potranno punire i trogloditi che sfogano i loro istinti più bassi sugli animali”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print