Comuni

San Giuseppe Vesuviano, le vespe asiatiche invadono la città

San Giuseppe Vesuviano, 31 Ottobre – Vespe asiatiche invadono la città. A lanciare l’allarme sono stati i cittadini del Comune vesuviano, le cui abitazioni sono state letteralmente invase dai pericolosi insetti. Tra le cosiddette specie aliene, cioè introdotte dall’uomo da un altro ecosistema, il calabrone asiatico o vespa velutina è una di quelle che desta maggiori preoccupazioni.

Pericolosa per persone ed api, la vespa “Velutina”, comunemente chiamata calabrone killer, è un tipo di vespa cinese la cui grandezza è leggermente inferiore a quella di un calabrone; si ipotizza che siano arrivate in Italia dal Belgio, precedentemente colonizzato. Il pericolo per le nostre api è altissimo perché la vespa le mangia, per le persone invece è da considerarsi pericolosa in quanto molto più aggressiva dei nostri calabroni.

Le velutine costruiscono il nido tra i cespugli o a livello del terreno, ma i cittadini hanno trovato gli alveari anche nei locali delle abitazioni meno frequentati, come cantine o scale e nei muri esterni e perfino nelle scuole entrano di continuo nelle aule creando panico e scompiglio tra i bambini. Per monitorare il fenomeno il MiPAAF (Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali) ha ideato un sistema di segnalazioni che lavora a pieno regime, infatti quest’anno si sono registrate 687 segnalazioni, con un incremento del 55% rispetto al 2017.

Le regioni che hanno effettuato più segnalazioni sono state la Liguria, la Lombardia e l’Emilia Romagna, seguono Lazio, Veneto, Piemonte, Campania e Toscana; le altre regioni hanno avuto meno di 20 avvistamenti. È possibile segnalare un avvistamento anche tramite canali social, dove la community ha creato una pagina inerente al tema. Sono in atto diverse iniziative per eradicare la specie, tra cui il progetto “LIFE STOPVESPA”, cui collaborano università, apicoltori, enti di ricerca e semplici cittadini e punta a sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi legati all’insetto, per le persone, la biodiversità e l’economia.

image_pdfimage_print

Scelgo la semplicità in tutte le sue forme. Più che apparire preferisco ESSERE.  Scrivere per me è dare un respiro più ampio alla mia esistenza, mi permette di fare ordine nei pensieri, mi si aprono nuovi scenari e si innesca un processo creativo. Le due parole che amo pronunciare di più sono MORENA e GABRIEL.