Sports

Sampdoria-Napoli 3-0: Defrel e Quagliarella travolgono i partenopei

Genova, 2 Settembre – Prima della sosta, il Napoli camaleontico di Carlo Ancelotti, di scena al Ferraris  proprio contro la Sampdoria del “sarriano” Giampaolo, va a caccia della  terza vittoria in campionato per riagganciare la testa della classifica. Contro i blucerchiati inizia la strategia della rotazione della rosa che diventerà più evidente con l’inizio della Champions. Ancelotti fa esordire il talentuoso Verdi sulla corsia di destra e a centrocampo il guineano Diawara, lo scopo è mettere più muscoli ed estro nel motore azzurro. Ma l’idea del turnover non da i frutti sperati e la compagine di Ancelotti, impacciata, inconcludente e nervosa, subisce tre sberle da una perfetta Sampdoria, messa molto bene in campo da mister Giampaolo.

 

LA CRONACA. Dopo ventisei secondi di gioco gli azzurri subito pericolosissimi con Insigne che lanciato verso la porta, scavalca Audero in uscita con un debole pallonetto, facile preda dei difensori blucerchiati. Molto alto il ritmo di gioco, entrambe le squadre amano tenere il pallino della gara con un fraseggio serrato. All’11’ la Sampdoria passa meritatamente in vantaggio. Grande ripartenza, Saponara lancia Defrel che si incunea come una freccia verso la porta di Ospina, all’improvviso fa partire un destro al fulmicotone, la palla prende velocità e si insacca nel set: 1-0. Timida la reazione dei partenopei che soffrono la grande vivacità dei padroni di casa, sempre pronti a pressare in ogni zona del campo. Scocca il 31’e la Sampdoria raddoppia. Azione tutta in velocità, cross da destra di Saponara al centro dell’area per Quagliarella che controlla, disorienta Koulibaly e Albiol e smarca con un ottimo assist il solito Defrel che uccella il colombiano Ospina: 2-0. Il Napoli è completamente in balia delle onde blucerchiate. Ottimo il primo tempo della Sampdoria contro un Napoli deludente.

Il secondo tempo inizia con un doppio sorprendente cambio di Ancelotti: fuori le due ali Insigne e Verdi e dentro Mertens e Ounas. Vivace è la partenza degli azzurri, Ounas è l’ago della bilancia: offre assist, costruisce gioco,  dribbla e verticalizza con grande abilità. Al 55’ la prima grande occasione per gli azzurri. Diawara ruba palla al limite dell’area blucerchiata e lancia Mertens. Il belga salta un avversario ma il suo destro non impensierisce Audero. Il Napoli spinge con forza e chiude la Samp nella propria metà campo. Si eleva molto il livello agonistico in campo, gli uomini di Ancelotti caricano a testa bassa quando mancano diciannove minuti alla fine. Ma al 74’ si concretizza la terza rete della Samp con una perla dell’ex Quagliarella. Perfetto cross dalla destra di Bereszynski, e straordinaria magia del napoletano che di tacco indirizza la sfera nell’angolino basso alla destra di un interdetto e confuso Ospina. I partenopei, incapaci di costruire lucide trame di gioco, si innervosiscono e fioccano inarrestabili le ammonizioni. Sterile e inconcludente il giro palla finale, dopo le due prime vittorie di campionato il Napoli capitola senza attenuanti contro un’ottima Sampdoria.

 

 

SAMPDORIA (4-3-1-2): Audero; Bereszynski, Tonelli, Andersen, Murru; Barreto, Ekdal, Linetty, Saponara, Quagliarella, Defrel. Allenatore: Giampaolo.

A disposizione: Belec, Rafael, Colley, Sala, Leverbe, Tavares, Ferrari, Vieira, Jankto, Ramirez, Caprari, Kownacki.

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Mario Rui, Allan, Diawara, Zielinski, Verdi, Milik, Insigne. Allenatore: Ancelotti.

A disposizione: Karnezis, D’Andrea, Maksimovic, Chiriches, Luperto, Malcuit, Fabian Ruiz, Ounas, Mertens, Callejon.

Arbitro: Massa di Imperia. Assistenti: Preti, Posado. Quarto Uomo: Paieretto. Var: Mariani. A. Var: Tonolini.

Reti: 11’ e 31’ Defrel. 74’ Quagliarella.

Sostituzioni: al 35’ esce Saponara ed entra Ramirez. Al 46’ escono Verdi ed Insigne ed entrano Ounas e Mertens. Al 58’ esce Murru ed entra Sala. Al 70’ esce Diawara ed entra Rog. Al 83’’ esce Ekdal ed entra Vieira.

Ammonizioni: 29’ Barreto. 67’ Diawara. 76’ Mario Rui. 80’ Allan. 82’ Rog.

 

 

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *