Comuni

Rogo del Monte Saretto a Sarno, il piromane ha 16 anni e si pente: “Un gioco finito male, chiedo perdono”

Borrelli (Verdi): “Il pentimento è un passo positivo ma ora serve una pena esemplare”

 

 

Napoli, 25 Settembre – “In un’intervista a “Il Mattino” un giovane di 16 anni ha ammesso di aver generato il rogo che ha divorato ettari di verde sul Monte Saretto, a due passi da Sarno. Ha affermato che si è trattato di un gioco finito male e ha chiesto perdono ai suoi concittadini e alle autorità. L’ammissione di colpa e il pentimento sono due elementi senz’altro positivi ma non lo esimono dalle responsabilità di un atto tanto grave. Serve una pena esemplare che sia commisurata alla gravità del danno provocato”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Il patrimonio verde della Campania rappresenta una ricchezza che appartiene a tutti. Troppo spesso criminali e soggetti disonesti lo dimezzano con roghi e altri comportamenti delinquenziali. Stavolta la causa è un gioco idiota tra ragazzini. Ma il danno rimane. Non possiamo permetterci di mandare in fumo il nostro polmone verde. Ne va della nostra stessa salute”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa