Cultura

Riflessione in ambito della filosofia della storia. Dalla crisi di governo ai suoi effetti. Eco aveva ragione. Perché?

Napoli, 2 Settembre – In questo periodo ideologico, storico, politico e sociale italiano molti si sono sbagliati. Si sono sbagliati chi riteneva giusto o sbagliato un comportamento dei governi e dei protagonisti. In verità l’esultanza dei fans delle nuove forme di governo e l’apprensione per chi pensava a un nuovo totalitarismo. L’avanzamento dei sovranisti ( non più dei populisti ) rappresenta un concetto sbagliato per l’uno e per l’altro schieramento ideologico – morale, una previsione errata. Infatti i Neofascisti e i Neo Antifascisti forse si sono concentrati poco. Hanno visto una storia con occhi anziani. In verità se pure al potere i vari Trump, Putin, Orbàn, Erdogan, Le Pen, Netanyahu questi non riescono a cambiare in effetti la Storia. Le grida, i paroloni, i big data hanno pagato il conto con la mancanza di esperienza, studio e intelligenza. Solo una persona poco intelligente parlerebbe senza avere delle solide basi a sostegno delle sue parole. E gira e rigira i discorsi ovunque hanno sempre lo stesso tema e pian piano i discorsi risultano monotoni e scarni. In Italia abbiamo avuto il curioso caso del capitano Salvini e della Meloni ormai diventata sua mozzo sempre al suo seguito, anche se il capitano non le da spazio, dato che vuole pieni poteri.

Una crisi di governo al limite dell’incredibile, illogica e accompagnata da spiegazioni che potrebbero essere definite farneticazioni ( per non parlare delle ultime offerte indecenti fatte al movimento per tornare a farsi i selfie al viminale ). Tornando a Noi. Chi ha avuto paura delle elezioni e di una possibile vittoria di questi due personaggi della politica, realmente trasformisti e incoerenti, forse non ha avuto una giusta visione. Giusto e Sbagliato. Cos’è giusto e sbagliato? Hegel seppur all’epoca degli inizi del XIX riscrisse quello che secondo lui poteva essere il concetto di Filosofia della Storia ribaltando la materia in Storia della Filosofia.

Il pensiero dell’uomo in primis, l’assoluto non è lo spirito che crea una storia ma il contesto storico. Non è un continuo ripetersi nel tempo. Non lo è finché le ideologie sono diverse e vivono momenti diversi nella storia. Salvini poteva essere un nuovo Mussolini? Poteva soddisfare i nostalgici ( neo nostalgici di una storia mai vissuta ) ? In effetti no. Si basti pensare i livelli della società raggiunti da Mussolini e quelli raggiunti da Salvini. Si basti pensare ai discorsi della Meloni oppure alle scarse motivazioni se non la brama di potere hanno portato alla caduta del governo italiano. E allora Eco ci ha preso con la frase che i Social abbiano dato voce a legioni d’imbecilli. Non col proclamare i sostenitori in questa terminologia ma col dire che la storia non si ripete sempre.

Si ripete con la giusta movenza cerebrale e non col continuo sbandieramento di opposizioni. La radice non si è creata. Ma allora il pericolo sovranista ( o totalitario ) non esiste? C’è. Ma è ancora celato. Celato dal rumore degli imbecilli. Chi ha piantato la radice ha pazienza di farla crescere forte e non cadere per una mossa sbagliata. E allora prepariamoci. Studiamo. Siamo vigili e non torniamo a dormire. Perché il pericolo di disgregazione sociale c’è e chi cura i propri interessi ne saprà una più del diavolo. Seminiamo, Siamo forti, siamo alberi dai frutti gustosi. Non lasciamoci morire e cadere. I valori di destra e di sinistra sono libertari non solo dal punto di vista economico ma sociale. Chi vuole entrare e dire che ha ragione nelle nostre vite, cerca di addormentarci nel cuscino del pregiudizio e vuole renderci secchi e insipidi.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print