Comuni

Ricerca, Indire stabilizza i precari storici

Firenze, 15 Giugno  – Il Consiglio d’Amministrazione dell’Indire, l’ente di ricerca nazionale che ha una sede anche a Napoli, ha deliberato di procedere, entro la fine del 2018, con la stabilizzazione di tutti i lavoratori precari storici dell’Istituto.

Il provvedimento riguarda i lavoratori che hanno maturato i requisiti previsti dall’articolo 20 – Superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni (commi 1 e 2) – del D.lgs. 75/17, per 102 contratti a tempo determinato e 20 contratti co.co.co.

«Il raggiungimento di questo importante traguardo – dichiara il Direttore Generale di Indire, Flaminio Galli – fa parte di una strategia complessiva di rafforzamento e di posizionamento dell’Ente nel panorama della ricerca e del sistema scolastico italiano. In questi ultimi anni, l’Istituto ha ottenuto numerosi e rilevanti progetti in affidamento, creando i presupposti dal punto di vista finanziario, economico e gestionale per l’ampliamento della pianta organica. Questo risultato, oltre che soddisfare le aspettative dei precari storici dell’Istituto, permetterà all’Indire di rafforzare ulteriormente la componente di ricerca e di attuare incisive azioni di sistema in favore della scuola italiana».

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print