Politica

Regione Campania, Beneduce (FI): “Celiachia malattia a rilevante impatto sociale, presentata proposta di legge”

I nuovi LEA sono stati approvati e finalmente abbiamo trovato la celiachia inclusa nel novero delle malattie croniche.

Napoli, 10 feb. – La malattia celiaca è frequentissima che nella nostra Regione conta13.000 casi già censiti. Ne deriva che la rilevanza sociale della patologia è tale da rendere necessario un intervento normativo al fine di realizzare i presupposti giuridici per creare una rete di assistenza agli individui che ne sono affetti, diffondere la conoscenza fra i medici e la popolazione, adottare provvedimenti finalizzati all’esenzione dalla partecipazione al costo delle prestazioni ed, infine, sostenere la ricerca scientifica” dichiara la Consigliera Flora Beneduce componente della Commissione Sanità .

“Ho presente progetto di legge insieme con i colleghi Mocerino, Russo e Zinzi  che  si propone di riconoscere nella nostra regione la celiachia come malattia a rilevante impatto sociale. Adesso che è stata riconosciuta come patologia cronica, si rende necessario un’adeguamento delle istituzioni per la migliore gestione delle problematiche che deriveranno .

Abbiamo istituito un tavolo tecnico permanente ed individuato i Centri di Riferimento Regionali, che assicurino, insieme con la rete assistenziale al paziente celiaco in età pediatrica o adulta la diagnosi precoce, il follow-up e la prevenzione delle complicanze;

 Intendiamo con la presente legge inoltre incentivare la formazione e l’aggiornamento professionale degli operatori coinvolti, predisponendo anche gli opportuni strumenti con la collaborazione di professionisti della Associazione Italiana Celiachia.

Propedeutica a qualsiasi attività riteniamo sia l’istituzione il Registro Campano dei celiaci anche prevedendo il relativo collegamento con la piattaforma web SANIARP“ conclude la consigliera Beneduce.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa