Politica

Referendum, Conferenza Coordinamento Regionale Campano di Forza Italia

Napoli, 2 Dic. – Ultimo appello al voto, tema centrale, la vigilanza nei seggi a difesa del voto libero. Conferenza stampa di Forza Italia questa mattina nella sede del Coordinamento regionale della Campania in vista del referendum costituzionale del 4 dicembre.

“Abbiamo portato avanti un lavoro significativo in tutte le province, nei capoluoghi e nei centri più piccoli per spiegare e sostenere le ragioni del NO ad una riforma che mina gravemente i rapporti tra le istituzioni e mortifica pesantemente gli spazi della democrazia partecipativa”, ha affermato in apertura il Coordinatore campano di Forza Italia, sen. Domenico De Siano, per il quale “bisogna recarsi ai seggi e dire No a Renzi e al suo governo antidemocratico”.

Oltre 400 gli eventi organizzati dai 300 Comitati per il No costituiti da Forza Italia su tutto il territorio regionale, “che adesso diventeranno di fatto comitati elettorali per il controllo e la difesa del voto libero”, ha sottolineato l’onorevole Carlo Sarro, Responsabile regionale dei Comitati per il No di Forza Italia, per il quale “questo impegno referendario ha contribuito anche a rivitalizzare il partito, ad avvicinare tantissimi giovani alla politica e a rinsaldare i rapporti nell’intera area del centrodestra”.

“Il nostro tema, quello del voto libero, è anche una risposta all’arroganza clientelare di una maggioranza che utilizza le istituzioni per convincere i cittadini a votare per il Si”, ha rimarcato Stefano Caldoro, Capo dell’Opposizione di centrodestra nel Consiglio Regionale della Campania, che ha citato la recente delibera del Cipe che stanzia risorse per “per una lunga serie di opere pubbliche che erano però già programmate e finanziate da anni e che guarda caso ripropongono a due giorni dal voto”.

Per Caldoro, che ha ricordato tra l’altro la recente cena organizzata dal governatore Vincenzo De Luca con i professionisti campani per convincerli a votare Sì, il continuo utilizzo politico delle istituzioni configurerebbe “una sorta di voto di scambio ambientale”.

E di “occupazione militare deli spazi televisivi e non solo”, ha parlato l’onorevole Mara Carfagna, Portavoce del gruppo di Forza Italia della Camera dei Deputati e Consigliere comunale a Napoli, per la quale “sarebbe interessante conosce nomi e cognomi di chi ha finanziato, a Renzi e compagni, questa campagna referendaria così clientelare, violenta e avvelenata, nella quale abbiamo visto davvero di tutto”. “Ma i cittadini, soprattutto nel Sud – ha aggiunto – sapranno dimostrare di non essere in vendita”. E sul voto degli italiani all’estro, l’onorevole Carfagna ha affermato: “Non ho mai assistito ad un tentativo di condizionamento del voto estero come questa volta. Se l’avesse fatto il centrodestra avrebbero gridato alla scandalo”.

Presenti alla conferenza stampa anche l’on. Paolo Russo, Coordinatore di Forza Italia della Grande Città di Napoli, Severino Nappi, Responsabile di Forza Italia per le Politiche per il Mezzogiorno e Antonio Pentangelo, Coordinatore di Forza Italia della Provincia di Napoli. Assente l’onorevole Fulvio Martusciello, responsabile Nazionale dei Difensori del Voto di Forza Italia, impegnato a Roma sulla questione del voto dall’Estero.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print