Sports

Quell’Inter Juve che a Napoli non si dimentica

 

Napoli, 5 Ottobre – Tantissimi, se non tutti, tifosi napoletani ricorderanno ancora la data del 28 Aprile 2018. Dopo aver subito una pesante sconfitta in casa contro il Napoli grazie ad un gol di Kalidou Koulibaly, la Juve di Massimiliano Allegri che si trova avanti di un solo punto in classifica rispetto ai partenopei, va a Milano per giocarsi contro l’Inter un’importante fetta di scudetto.

La partita si mette subito in discesa per i bianconeri: Douglas Costa segna già al tredicesimo minuto e Vecino dell’Inter si fa espellere dopo altri cinque minuti per un fallo considerato da molti non proprio da rosso diretto. I nerazzurri però anche in dieci riescono nell’impresa: al settimo minuto del secondo tempo l’allora amatissimo Maurito Icardi segna il pareggio. E poi l’episodio chiave cinque minuti dopo: Miralem Pjanić entra in modo sconsiderato da dietro su Rafinha. Un cartellino giallo solare che avrebbe decretato l’espulsione per il centrocampista bosniaco già ammonito ed invece ricordiamo tutti cosa fece l’arbitro Orsato, come si concluse la partita e poi l’esito del campionato.

Quell’Inter – Juve a Napoli non si dimenticherà mai ma nella storia ci sono stati altri episodi clamorosi simili. Quello ugualmente indimenticabile è avvenuto il 26 aprile del 1998 quando Juve ed Inter, stavolta tra loro ad essere in corsa per la vittoria dello scudetto, si affrontano a Torino. Un’entrata di Iuliano in area bianconera su Ronaldo, incredibilmente non viene sanzionata con un calcio di rigore, altro episodio che i tifosi di tutta Italia ricordano ancora chiaramente.

Per mettere la parola fine su alcuni che mettono ancora in dubbio quali fossero le decisioni arbitrali corrette da prendere, il Blog Insider ha deciso di interpellare un vero esperto e fargli utilizzare una sorta di Var 2.0. L’esperto in questione è l’ex arbitro Graziano Cesari, personaggio molto famoso tra gli appassionati di calcio visto che da anni è “l’opinionista moviolista” per le più importanti trasmissioni sportive di Mediaset.

Senza troppe sorprese, Cesari conferma che il fallo di Iuliano meritava il calcio di rigore e che Pjanić andava nuovamente ammonito e dunque espulso. Per onor del vero, Cesari prende in considerazione altri casi dubbi capitati negli ultimi 20 anni, ed in talune occasioni ad avere avuto un torto arbitrale è stata la Juventus. Il caso più eclatante fra questi ultimi è nel 2002 quando l’Inter pareggia al novantacinquesimo con un gol assegnato al portiere nerazzurro Francesco Toldo che in realtà era di Cristian Vieri. In ogni caso la carica sul portiere bianconero Gigi Buffon, estremo difensore juventino già 17 anni fa, avrebbe dovuto portare l’arbitro dell’incontro, Pierluigi Collina, ad annullare la rete.

Il video del Blog Insider è davvero da vedere visto che Cesari, con linguaggio semplice, spiega però in dettaglio tutte le ragioni per cui un arbitro avrebbe dovuto prendere le decisioni da lui segnalate. Ci piacerebbe davvero vedere prossimamente un filmato simile che prenda in considerazione gli episodi più controversi che hanno visto coinvolte sempre la Juve ma contro il Napoli questa volta. Anche in questo caso, ci sarebbero da rivedere tanti casi accaduti nel corso della storia del calcio italiano.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa