Comunicati

Polveri sottili, Scisciano Bene Comune chiede la sospensione dell’ordinanza emanata dal primo cittadino di San Vitaliano

Riceviamo e pubblichiamo un documento, a firma del Gruppo Consiliare del Comune di Scisciano “SCISCIANO BENE COMUNE”, nelle persone dei  Consiglieri Mario Ilsami, Cristina Mucerino e Pasquale Arianna, avente come oggetto:

 

Divieto di circolazione sul territorio del Comune di San Vitaliano. Ordinanza sindacale nr. 2/2020 del Comune di San Vitaliano.

 

Scisciano, 12 Febbraio – ” I sottoscritti consiglieri del gruppo “Scisciano Bene Comune”, evidenziano preliminarmente il carattere di urgenza della presente interrogazione trattandosi di problematica direttamente riconducibile alla salute dei cittadini.

Come noto, il Comune di San Vitaliano, con l’ordinanza sindacale indicata in oggetto, a decorrere dal 1° febbraio 2020 ha disposto il divieto di circolazione sul proprio territorio di alcune tipologie di veicoli, al fine di contenere l’emissione in atmosfera di polveri sottili.

Ci sentiamo di condividere la preoccupazione per il pericoloso e costante aumento dell’inquinamento atmosferico, problema comune a tutte le aree molto urbanizzate e risolvibile, a nostro avviso, solo con un impegno condiviso con tutti i comuni interessati e facendo ricorso a una pluralità di provvedimenti, non limitati al solo divieto di circolazione, ed è per questo motivo che esprimiamo forti dubbi sulla bontà ed efficacia della soluzione adottata dal Comune di San Vitaliano. 

Il divieto di circolazione nel comune di San Vitaliano costringe i veicoli più inquinanti, ai quali è diretto, a percorsi alternativi. Percorsi che interessano soprattutto il territorio del comune di Scisciano.

In questo modo riteniamo che il problema delle polveri sottili non si risolve; semplicemente lo si sposta da San Vitaliano verso i comuni limitrofi, ed in particolare verso Scisciano dove già si può rilevare un  aumento  del traffico. Se si  considera, inoltre, che i percorsi alternativi sono mediamente molto più lunghi di quelli  ora inclusi nel divieto di circolazione, si arriva alla conclusione che le polveri sottili, anziché diminuire subiranno invece, complessivamente, un considerevole aumento.

La problematica dell’inquinamento ambientale investe un’area ben più vasta del  comune di San Vitaliano, sarebbe stata quindi necessaria una preventiva intesa tra tutti i comuni interessati e la stessa Città Metropolitana di Napoli. 

Prendiamo atto dei recenti incontri fra alcuni sindaci e rappresentanti di comuni dell’area nolana ed auspichiamo che si arrivi quanto prima a soluzioni ad ampio raggio. Intanto manifestiamo la nostra preoccupazione  per i negativi effetti che  avrà sulla salute dei Sciscianesi  l’aumento di traffico  causato dal provvedimento in discorso.   

Tanto premesso, ribadiamo, sicuri  di interpretare anche il pensiero di molti concittadini, che non condividiamo la soluzione adottata dal Sindaco di San Vitaliano  perché, come sopra detto, lungi dal risolverlo aggrava ulteriormente  il problema, trasferendolo in buona parte sui cittadini di Scisciano.

Chiediamo dunque di sapere, anche in nome e per conto dei nostri concittadini:

quali provvedimenti urgenti il Sindaco e/o gli assessori competenti hanno preso o intendono prendere perché si arrivi ad una immediata revoca o sospensione dell’ordinanza emanata dal Sindaco di San Vitaliano, senza alcun preventivo coordinamento con i comuni limitrofi e con la Città Metropolitana di Napoli. 

Attesa la rilevanza della questione, restiamo in attesa di una rapida risposta entro i limiti temporali di cui al 5° comma dell’art.21 Reg. Com.. “

 



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@sciscianonotizie.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa