Comuni

Palma Campania, i professionisti della intermediazione assicurativa: intervista a Gianfranco Donnarumma

Palma Campania, 28 Giugno – L’elemento saliente per ogni essere vivente che mira al raggiungimento di un traguardo importante sia esso professionale o personale è, senza ombra di dubbio, la gratificazione morale, (Gesù stesso asseriva: l’uomo non vive di solo pane…).  Tutti sappiamo cosa significa la realizzazione di progetti ambiziosi, portati avanti con consapevolezza e tenacia, certamente ingredienti basilari per acquisire ogni volta una crescita culturale e professionale, capace di durare nel tempo, alla luce di una programmata gestione. A tal proposito desideriamo evidenziare la determinazione, la tenacia, l’acume, nel portare avanti e concretizzare idee e progetti, la capacità di sapersi relazionare a viso aperto, con intuizione e creatività, di Gianfranco Donnarumma, professionista nel campo assicurativo, al quale rivolgiamo qualche domanda.

Di cosa si occupa nella vita?

“Mi occupo di intermediazione assicurativa – afferma Donnarumma”.

Da quanti anni svolge questa attività e di cosa si occupa in particolare?

“Sono nel campo da 13 anni. Inizialmente, era solo consulenziale, e i primi clienti, erano i miei vicini, Con il tempo ho raccolto un numero sufficiente di adesioni da poter fare carriera in Alleanza. Sono dipendente a tempo indeterminato dal 2010”.

Una carriera, dunque, costruita con impegno e tenacia.

“Senza ombra di dubbio! Sono partito con una semplice partita Iva, poi Alleanza, ha verificato che da collaboratore ho realizzato nel tempo risultati soddisfacenti e soprattutto con una certa costanza, mi ha invitato ad un colloquio, e mi ha assunto a tempo indeterminato”.

Che cos’è Alleanza?

“La missione che determina Alleanza è soddisfare i bisogni dei clienti. L’Italia, purtroppo, sta venendo meno all’assistenza a al Welfare, sia in termini previdenziali per le pensioni, sia in termini sanitari”.

Cosa proponete al cliente, e soprattutto, come vi presentate?

“Si crea un appuntamento, si esegue un profilo, si vede quali sono i requisiti, si estrapolano le esigenze, ed elaboriamo sui punti dove attenerci un pò di più.  Anche per chi lavora regolarmente, purtroppo lo Stato, non è più assistenziale.  Nell’ambito della sanità poi si paga quasi tutto e sono previsti quasi sei mesi di attesa, per una mammografia. Questo capita anche per le degenze ospedaliere.  Ed è proprio per questo che esistono le polizze sanitarie, dove si paga regolarmente 20 euro al mese, ma si è coperti per interventi chirurgici,  ecc. Questo vale anche per la casa, per quanto riguarda la tematica della protezione. Riguardo la previdenza complementare, il motivo è sempre quello, lo Stato non garantisce più quell’importo sulla pensione che ha garantito ai nostri genitori.  Facciamo un esempio lampante. Se prima si andava in pensione col 90% dell’ultimo stipendio, oggi si va in pensione con il 50% di meno dell’ultimo stipendio. Ecco perché esiste il fondo pensioni, che in altri stati come la Svizzera e gli Stati Uniti sono obbligatori. Poi ci sono gli investimenti. Oggi, investire autonomamente è diventato difficile, non ci sono più prodotti che ci garantiscono una percentuale fissa all’anno, in breve è diventato davvero complicato come investire, e cosa scegliere. Ancora oggi c’è chi sceglie il metodo tradizionale, convinti che i Bot danno come prima un vantaggio”.

Quindi riguardo agli investimenti, c’è bisogno che il consulente vada a casa?

“Si, per spiegare se conviene investire in Bot, in azioni, se conviene tenere i soldi sul conto corrente, cosa che comunque sconsiglio perché hanno l’effetto della svalutazione. E’ necessario tenere solo qualcosa per affrontare le spese quotidiane. In questo caso le polizze assicurative sono esenti dalle imposte di bollo, pure avendo dei redditi bassi, ti rende un utile e risparmi sulle tasse nazionali. Alleanza, inoltre, è l’unica società rimasta in Italia che fa consulenza a domicilio, per un confort migliore, non aspetta, non porta spese. Poi c’è il risparmio, cioè quello che ti permette mensilmente, al di fuori dei fondi pensioni, di personalizzare un prodotto, ovvero, realizzare un prodotto per 15 anni,  che da in ogni caso la possibilitàdi prendere all’occorrenza qualcosa”.

Cos’è per te Alleanza?

“Per me non è un lavoro, bensì uno stile di vita. È andare dal cliente, prendere il caffè, in poche parole, si gestiscono relazioni. Ti accorgi che il cliente ha bisogno di te, del tuo consiglio e ti chiama, ed io sono a completa disposizione, per migliorare le loro esigenze. Pertanto la società gode di un indice di solvibilità, tra i più alti in Europa, cioè in caso di perdite, riesce a coprire fino a 280 volte i soldi dei nostri clienti. Il nostro paese è purtroppo classificato come BBBmeno, un po come gli elettrodomestici, e  per gli investitori stranieri, non è un paese prelibato, e quindi i titoli di stato non si acquistano. Ecco perché consiglio una polizza vita, che ti dà la possibilità di creare un piano di risparmio senza sforzi, con un metodo mensile dilazionato per coprire le esigenze future, le classiche, come per esempio il matrimonio di un figlio, spese universitarie, ecc. A tale proposito riporto un mio esempio personale. Mi sono sposato due anni fa, e senza l’aiuto dei miei genitori e quello dei miei suoceri, era praticamente impossibile acquistare casa, e fare un matrimonio come l’abbiamo fatto. La sede legale si trova a Milano, noi qua, non paghiamo fitto, ogni agenzia è gestita dell’agente generale, poi troviamo i titolari di settore. Ogni settore è diviso in 4/5zone, ogni zona ha  un collaboratore. Faccio un appello: cerchiamo collaboratori che dedichino parte del tempo nel gestire i nostri clienti, possibilmente sul territorio di Carbonara e Domicella. Siamo un Team pronto a rinnovarsi”.

Cosa consigli a chi vuole intraprendere questa attività?

“Consiglio di venire in ufficio, per capire l’ambiente e come ci muoviamo. Sarà poi necessario sottoporsi a dei corsi di formazione, per capire chi è realmente  predisposto alla relazione con gli altri”.

Quali sono i requisiti indispensabili per lavorare nell’ambito del Team?

“La  riservatezza, ed  essere socievoli. Questo è un lavoro che può essere gestito e programmato anche da casa.  E poi come ultimo fondamentale aspetto, il cliente deve essere sempre informato”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print