Comuni

Palma Campania, gli studenti del “Rosmini” a scuola di legalità

Gli allievi della IV A classico dell’ISIS A. ROSMINI presentano la proposta di legge “Punire o Rieducare”

Palma Campania, 7 Aprile – Nell’Auditorium dell’Istituto Antonio Rosmini di Palma Campania si è tenuto, venerdì 5 aprile, una conferenza  dal titolo “A scuola di Legalità Regoliamoci”, suddivisa in due momenti. Durante la mattinata sono intervenuti : Don Luigi Merola, Presidente della Fondazione “A voce de’ creature” componente della Commissione Nazionale Antimafia; Il Dott. Andrea Fusco, Magistrato Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palermo ed ex alunno del Liceo Classico “A. Rosmini”; Il Presidente del consiglio d’Istituto Vice Questore di Avellino Dott. Francesco Cutolo.

In serata hanno partecipato: La Prof.ssa Maria Luisa Iavarone, Professore Ordinario di Pedagogia Generale e Sociale presso l’Università degli Studi “Parthenope” di Napoli – Fondatrice dell’Associazione ARTUR; L’On. Dott.ssa Silvana Nappi, Medico della Asl NA3 Sud; On. Prof.ssa Virginia Villani, Dirigente Scolastico; L’Assessore alla Cultura del Comune di Palma Campania Dott.ssa Elvira Franzese.

La Prof.ssa di Storia e Filosofia Maria Vittoria Landi e la Prof.ssa di Diritto Filomena Amato hanno preparato gli studenti della classe IV sez. A del Liceo Classico per la partecipazione al Concorso “Giornata di formazione a Montecitorio”, iniziato ad ottobre 2018, ispirandosi ad un triste caso di cronaca, l’accoltellamento alla gola di Arturo Puoti  figlio della Prof.ssa Maria Luisa Iavarone, ad opera di un gruppo di ragazzi giovanissimi senza nessuna ragione, e  prendendo contatto diretto con il giovane e con la madre, che poi hanno potuto incontrare a Napoli, il giorno dell’inaugurazione della nuova sede dell’Associazione ARTHUR, il 18 dicembre 2018, a Villa Doria.

Il progetto è il punto di partenza per le attività scolastiche con un elemento caratterizzante incentrate  su Cittadinanza e Costituzione, fortemente volute dalla Dirigente Scolastica Prof.ssa Maria Grazia Manzo.

Studiando la costituzione ed il codice penale, i ragazzi hanno formulato una mini proposta di legge in quattro articoli, in cui loro chiedono la piena imputabilità e capacità di intendere e volere dei minori infra-sedicenni , e un aumento di pena per i reati di violenza aggravati dai futili motivi. ( La sentenza del processo degli accoltellatori di Arturo si è conclusa con una pena a nove anni per i responsabili, con un provvedimento esemplare).  Il lavoro è stato selezionato e premiato dalla Camera Dei Deputati con la partecipazione a due giornate a Montecitorio, il 29 e 30 gennaio 2019, assistendo ad una seduta in Aula, e successivamente hanno fatto attività con i deputati del territorio, l’Ufficio di Presidenza e un rappresentante della Commissione di Giustizia, che si occupa di arginare il fenomeno dilagante delle Baby Gang.

Grazie all’accordo firmato dalla Prof.ssa Iavarone, già dall’anno prossimo l’ISIS Rosmini andrà in rete con l’Associazione ARTUR per avere in sede gli ARTURLAB , sull’adolescenza e i suoi bisogni, con laboratori finalizzati alla prevenzione del rischio del disagio sociale, per la ricerca di pedagogia sui problemi devianti.

I ragazzi  da questa esperienza hanno capito che Punire non ha senso se non si Educa e non si lotta per aiutare le famiglie in difficoltà e la scuola che, come a volte accade, è l’unico punto di riferimento, inoltre hanno potuto apprezzare l’importanza del lavoro svolto dalle istituzioni, nell’interesse dei cittadini italiani.

La Dirigente Scolastica Prof.ssa Maria Grazia Manzo, che ha sostenuto e consentito la realizzazione di questa esperienza, alla fine dell’evento, ha premiato gli studenti impegnati nel progetto, consegnando un attestato di partecipazione.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print