Comuni

Palma Campania, coltura fuori suolo: l’Associazione “Naturae” al Centro Polifunzionale per minori “Il Casale”

Palma Campania, 22 Ottobre – Ancora un nuovo appuntamento con le interessanti lezioni pratiche di coltura fuori suolo dell’Associazione Culturale “Naturae” di Palma Campania. Dopo l’apprezzato pomeriggio con i ragazzi del Centro disabili “Peter Pan” di mercoledì 16 ottobre, l’Associazione palmese, ospite, questa volta, del Centro Polifunzionale per minori “Il Casale”, propone le metodologie di coltivazione fuori suolo ai bimbi di via Mauro.

Ancora un pomeriggio dedicato al contatto con la natura, imparando le tradizionali tecniche di coltivazione in tutte le sue fasi. I bambini del “Casale”, spinti da grande entusiasmo, hanno seguito in religioso silenzio le lezioni impartite dai due giovani dell’Associazione, Carmine Guadagno e Pia Mucerino. Cipolle rosse di Tropea e cipolle bianche, gli ortaggi piantati dai bimbi, seguendo con meticolosa attenzione le precise indicazioni suggerite.”Coinvolgere i bambini nelle attività di giardinaggio – afferma il presidente dell’Associazione Naturae Rosa Ferrante –  è un’idea per tenerli impegnati in nuove attività, ma soprattutto insegnare loro, l’amore per la natura, toccare con mano la terra, le piantine, responsabilizzarli nel prendersi cura della crescita in tutte le fasi del ciclo. La cosa che mi ha emozionato di più – prosegue la Ferrante –  è stato quando ho chiesto ai bimbi se avessero mai piantato una verdura, la risposta mi ha lasciato senza parole: “non ho mai toccato la terra, perché mi sporco le mani”.
Ma nel momento in cui li ho invitati a farlo, è avvenuta la meraviglia: dopo i primi attimi di indecisione, è scoppiato l’entusiasmo e la voglia matta di fare…. Riuscire in un azione simile
– puntualizza il presidente –  mi inorgoglisce e mi stimola a far comprendere ai ragazzi che il contatto con la terra è libertà.
Ringrazio in primis la dottoressa Rosa Ambrosio  per la sua disponibilità e partecipazione nel prendersi cura,  in prima persona, di una coltivazione fuori suolo. Ma desidero sottolineare anche l’ammirevole dedizione delle operatrici del Centro, sempre capaci di saper gestire con impeccabile professionalità e attenzione, l’irrefrenabile entusiasmo dei meravigliosi bimbi del Casale”.

L’Associazione Naturae – sottolinea la Ferrante – ha particolarmente a cuore il tradizionale metodo di sterilizzazione e fertilizzazione della terra, utilizzando il terreno mescolandolo con la cenere.Un metodo antico, con un infallibile risultato. Seguendo l’antico e saggio procedimento, la piantagione ha solo bisogno dell’elemento più prezioso: l’acqua. La cenere è una sostanza ricca di potassio e fosforo, si usa quindi in particolare per le colture che necessitano di questi elementi in grande quantità, ne consegue, per esempio, che è un ottimo fertilizzante per la coltivazione delle patate. Inoltre in questa sostanza vi è anche una forte dose di calcio e ha dunque l’effetto di ridurre l’acidità del terreno”.

Le lezioni di coltura fuori suolo al Polifunzionale il “Casale” attirano l’attenzione anche dei responsabili e delle operatrici del Centro.”Ringrazio l’Associazione Naturae – dichiara la psicologa e coordinatrice Rosa Ambrosio –  per averci regalato questa splendida piramide che permetterà ai nostri ragazzi di industriarsi nella coltivazione fuori suolo.Vi ringrazio, soprattutto perché, con questa donazione, ci date la possibilità di avvicinare i nostri ragazzi alla natura, considerando che oggi sono così impegnati in attività ludiche che prevedono quasi sempre l’uso della tecnologia, e quindi per noi – conclude la coordinatrice del Centro –  è davvero un grande piacere, poterli indirizzare verso la conoscenza delle nostre preziose tradizioni agricole. Ci auguriamo che anche in futuro possano esserci altre magnifiche esperienze come quella vissuta oggi”.

Le operatrici del Centro “Il Casale”: Valentina Cassese, Giovanna Franzese, Valeria Pandico, Chiara Rega, Daniela Russo, Emilia Simonetti.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa