Comuni

Palma Campania, al via la “rivoluzione elettrica”. Assessore Nunziata: ” A breve saranno installate tre colonnine di ricarica elettrica sul nostro territorio”

Palma Campania, 5 Aprile –  Minuzioso, incessante, programmato nei minimi particolari, è il lavoro proiettato alla ricerca di fondi e partecipazione a bandi, finalizzato, esclusivamente, a dare la possibilità ad un piccolo paese come Palma Campania, di ottenere confort, comodità e soprattutto far girare l’economia. Otto sono i comuni che hanno aderito all’installazione di colonnine di ricarica elettriche per auto, attraverso un’approvazione di una delibera da parte delle varie giunte comunali e di un protocollo d’intesa con Enel X soprannominato “rivoluzione elettrica”. Sono otto i comuni interessati: Palma Campania, Somma Vesuviana, Terzigno, Striano, S.Gennaro Vesuviano, S.Giuseppe Vesuviano, Poggiomarino e  Ottaviano.

Ad annunciarlo è il consigliere comunale e stimato legale, Nello Nunziata con delega all’Ambiente.

Quante colonnine saranno installate in Palma Campania?

“Sul territorio di Palma Campania saranno installate tre colonnine di ricarica elettriche”

Ci può indicare le varie postazioni?

“La prima verrà installata in via D’Antonio, poi in piazza mercato, e l’ultima in via Gorga. Ho chiesto,inoltre, ad Enel X la possibilità di integrare alle colonnine di ricarica elettriche anche la ricarica elettrica per le bici con pedalata assistita. Abbiamo, tuttavia, partecipato ad un bando nel quale abbiamo dato contributi per l’acquisto di biciclette con appunto la pedalata assistita”.

Di sicuro avrete stabilito un obiettivo da raggiungere.

“L’obiettivo è evitare quanto più possibile il trasporto con le auto e incentivare le persone ad usare anche mezzi alternativi, tra cui la bicicletta classica e quella elettrica”.

Che tipo di messaggio si sente di dare ai cittadini palmese?

“Sicuramente di sostenere queste iniziative, iniziando per esempio a prendere quanto meno possibile la macchina, ma anche sensibilizzare tutti a guardare nell’ottica di una spiccata sostenibilità ambientale. Credo sia molto importante prendere coscienza della pericolosità per la nostra salute delle terribili polveri sottili, salvaguardando così l’aria che respiriamo”.

Ci sono altri progetti in cantiere che vuole annunciare?

“Gli ultimi in ordine di tempo sono appunto il bando e le colonnine di ricarica elettriche. Sono nove mesi che stiamo al servizio della comunità, affrontando le innumerevoli  problematiche sempre con grande impegno, entusiasmo e dedizione. Nel momento in cui ho preso la decisione di candidarmi, ho avvertito ben chiaro il dovere di mettermi completamente al servizio del mio paese”.

Quanti progetti ha fino ad ora realizzato?

“Con la mia delega, oltre all’ecologia e l’ambiente, ho partecipato ad un bando con città metropolitana con un progetto sul bosco crocelle, che è stato finanziato con oltre 200.000 euro”.

Concretamente, cosa si è realizzato?

“In primis abbiamo provveduto ad attrezzare tutto il verde pubblico del bosco crocelle. Ma un altro progetto riguarda attrezzature per la raccolta differenziata, fino ad arrivare ad un terzo finanziamento relativo all’Isola ecologica”.

Può fornirci più informazioni riguardo alle attrezzature richieste?

“Si tratta dell’installazione di telecamere di sorveglianza, posizionate all’interno e all’esterno. Sono tre progetti approvati e finanziati”.

Di sicuro sarebbe davvero importante portare a termine un progetto.

“Senza ombra di dubbio. Purtroppo il bilancio del nostro comune non ci consente grandi opere. Nel contempo, devo dire, siamo stati abbastanza abili nel metterci in condizione per approfittare di contributi siano essi europei, regionali, statali, o anche da parte dalla città metropolitana. La strada più efficace da percorrere è senza dubbio questa, aspettare, infatti, solo fondi comunali, significherebbe fare ben poco, ma il nostro obiettivo è prodigarci sfruttando al massimo tutte le nostre capacità e professionalità per il bene comune”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print