Comuni

Ospedali napoletani senza biancheria a causa dello sciopero selvaggio di alcuni lavoratori della American Laundry

Verdi: “Grave che si sia tentato di combattere una battaglia sulla pelle dei malati, serviva maggiore senso di responsabilità”

 

Napoli, 22 Maggio – “Riteniamo molto grave che alcuni lavoratori della American Laundry abbiano tentato di combattere la loro battaglia sulla pelle degli ammalati. Interrompere la fornitura di biancheria agli ospedali napoletani ha rappresentato un atto che non ha giustificazione. Esistono alcuni servizi che non possono essere interrotti in alcun caso. Tra questi figurano le forniture per gli ospedali, luoghi dove il benessere e la dignità delle condizioni dei malati deve essere garantita al di là di qualsiasi rivendicazione. Lo sciopero, interrotto oggi, ha creato problemi gli ospedali che non riescono a garantire i ricoveri e interventi. Serviva un maggior senso di responsabilità da parte di tali lavoratori in una vicenda tanto delicata”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli. “I lavoratori della American Laundry  – prosegue Borrelli – stanno portando avanti una battaglia per mantenere il posto di lavoro ma ci chiediamo come possa rivendicare di operare in questo comparto chi lascia senza biancheria gli ammalati. Il nostro auspicio è che il confronto tra enti, aziende e lavoratori avvenga lealmente presso i tavoli istituzionali e non sulla base gesti irresponsabili che risultano deleteri per le principali vittime di questa storia: i pazienti degli ospedali”.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@sciscianonotizie.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa