Comuni

Novantesima aggressione ai danni di un operatore della Sanità napoletana, infermiera pediatrica presa a schiaffi

Borrelli (Verdi): “Il triste traguardo è stato superato, ora la frontiera delle cento aggressioni è più vicina. Occorre invertire la tendenza sul piano della civiltà ed è necessario punire con severità gli aggressori”

 

 

Napoli, 23 Ottobre – “La novantesima aggressione del 2019 nella Sanità napoletana si è consumata mercoledì pomeriggio presso il distretto 28 dell’Asl Napoli. Come denuncia l’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate” una infermiera pediatrica è stata presa a schiaffi da un utente che doveva semplicemente richiedere il cambio di pediatra di famiglia. La malcapitata è stata costretta a richiedere le cure ospedaliere presso il San Giovanni Bosco. Una vergogna, ora la triste frontiera delle cento aggressioni è più vicina”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli. “Occorre invertire la tendenza sul piano della civiltà. Una comunità in cui si consumano continuamente aggressioni ai danni degli operatori sanitari non può definirsi civile. Allo stesso tempo occorre sanzionare con la massima severità gli aggressori”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa