Comuni

Nola, SettembrArte: al via la IX edizione

Nola, 12 Settembre – Al via domenica 15 SettembrArte, l’ormai attesissima proposta di eventi curati dall’Ufficio per i Beni culturali della Diocesi di Nola e dall’Associazione Meridies, che, in sinergia da oltre vent’anni promuovono le bellezze del territorio valorizzandone i tesori. Come ogni anno, gli appuntamenti di SettembrArte si svolgeranno in luoghi di grande interesse e indiscusso fascino e, come da tradizione, il pubblico troverà performance e spettacoli abbinati agli itinerari.

Si comincia con il 15 settembre con la chiesa, il convento e la biblioteca del complesso di Santa Maria del Pozzo a Somma Vesuviana, dove è imprescindibile una visita alla chiesa sotterranea riccamente affrescata e alla biblioteca dove si conservano antichi e preziosi volumi. Sarà un viaggio dal medioevo all’età contemporanea. Con l’apertura straordinaria del convento francescano di Sant’Angelo in Palco nei giorni 21 e 22 settembre la IX edizione di SettembrArte inserirà Nola nelle iniziative del Giornate Europee del Patrimonio, mai trascurate da Meridies e dall’ufficio diocesano. Il convento di Sant’Angelo è un emblema per la città di Nola, per la sua posizione geografica dominante e per le sue vicende storiche che attraversano circa sei secoli. La domenica successiva, il 29 settembre, spalancherà le sue porte al pubblico il convento di Santa Maria a Parete a Liveri, anch’esso di matrice francescana, famoso per la scala santa e l’immagine devozionale della Madonna, per il cui ritrovamento prodigioso si ricorda la giovane Autilia Scala; anche qui tra affreschi e tesori di carta la visita proietterà il pubblico in epoche lontane e affascinanti.

Il cartellone di SettembrArte comprende inoltre diversi appuntamenti che si svolgeranno presso il Museo Diocesano di Nola e nella chiesa dei Santi Apostoli. Il 19 settembre, infatti, al museo di via San Felice Meridies curerà una visita sensoriale, in cui la “visione” delle opere è affidata alla narrazione e alla percezione dei sensi. Sempre al museo, il 23 settembre sarà presentata un’opera pittorica nolana del 1499, proveniente da Sant’Angelo in Palco e legata alle vicende della fondazione e della ristrutturazione di Sant’Angelo da parte delle nobili famiglie Orsini e Mastrilli. Come sarà finito il capolavoro nolano nel Museo Campano di Capua?

A completare il ricco programma ci sarà anche un’offerta dedicata a chi ama l’arte contemporanea, con la mostra Esperienze e ricerche da Gemito a Pistoletto, in cui si potranno ammirare diversi pezzi della collezione di Luigi Vecchione, illustre personalità della cultura nolana scomparsa qualche anno fa dopo un’esistenza caratterizzata dalla passione per la storia di Nola e dintorni. L’inaugurazione della mostra d’arte si terrà il 5 ottobre nella chiesa dei Santi Apostoli, in via San Felice; l’esposizione sarà visitabile anche nelle due settimane successive.

C’è solo l’imbarazzo della scelta, dunque, vista la varietà degli eventi. La partecipazione è gratuita, mentre è necessaria la prenotazione per le visite guidate. Sono previsti momenti d’intrattenimento per i bambini, a cura della Libreria indipendente Bibi&Cocò.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa