Comunicati

Nola, il gruppo consiliare Uniti per Nola rinuncia alle indennità di funzione. “Ottemperiamo ad un impegno annunciato in campagna elettorale”

Nola, 28 Agosto  – Il gruppo consiliare “Uniti per Nola” rinuncia alle indennità di funzione. Dopo le rinunce dei consiglieri Antonio Tufano e Angelo Siano, e successivamente di Rino Barone (che recentemente ha anche rassegnato le proprie dimissioni da presidente del consiglio) e Raffaele Giugliano, nei prossimi giorni, faranno lo stesso anche tutti gli altri componenti del gruppo.

Una scelta che rappresenta una svolta storica, anche al Comune di Nola, sul modo di intendere il ruolo di consigliere comunale che assume così un profilo più vicino ai tratti dell’impegno sociale.

Le somme raccolte dal risparmio ottenuto dalla mancata corresponsione delle indennità saranno destinate ad un fondo specifico finalizzato a migliorare beni o servizi a favore della comunità.

Ottemperiamo ad un impegno annunciato in campagna elettorale  recita una nota del delegato di Uniti per Nola, Franco Nappi –. Un impegno che sarà esteso anche agli eventuali componenti del gruppo che assumeranno incarichi all’interno della giunta. Il momento storico è estremamente difficile per nostra città. E’ necessario che tutti, anche con piccoli segni concreti, facciano la loro parte per aiutare l’ente Comune a rimettersi in linea di galleggiamento. Ci auguriamo che questo esempio possa essere seguito anche dagli altri gruppi consiliari, così da restituire un minimo di valore morale e di credibilità alla politica”. 



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@sciscianonotizie.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa