Comuni

Nola, dall’Annunciazione all’Adorazione dei pastori: nuove opere al Museo Diocesano

Nola, 30 Dicembre – Il Museo Diocesano di Nola di via San Felice si conferma polo culturale d’eccellenza per la città e per il territorio. Custode di manufatti che esprimono identità e fede, gusto ed eleganza, il Museo da circa vent’anni (nel 2020 ricorrerà lo speciale anniversario dall’inaugurazione) vanta una significativa collezione di opere che testimoniano la vivacità artistica della città di Nola attraverso i secoli, le scelte raffinate dei committenti nell’individuare architetti, scultori, pittori e artigiani, ma soprattutto lo stretto e imprescindibile legame tra le opere stesse e la loro connaturata funzione educativo-pastorale.

In occasione del santo Natale al Museo Diocesano sono pervenute diverse opere realizzate tra i secoli XVII e XIX, che da oggi in poi costituiranno parte integrante del percorso museale. Si tratta di dipinti provenienti dalle collezioni Gagliardi e Spizuoco. I donatori, comprendendo e sposando gli intenti del Museo e dell’Ufficio beni culturali diocesano, hanno voluto regalare i manufatti perché da oggi in poi possano essere ammirati e fruiti da una platea più numerosa.

Quello dell’implementazione, della ricerca, della conservazione, della divulgazione e del confronto è un cammino che il Museo e l’Ufficio beni culturali diocesano, guidati dalla dott.ssa Antonia Solpietro, percorrono da sempre, nell’intento non tanto di incrementare le collezioni, ma soprattutto di “fare cultura” interagendo e collaborando con le istituzioni, il mondo universitario, le associazioni e i privati.  È stata proprio la dott.ssa Solpietro a sottolineare, durante la serata del 21 dicembre che ha visto la partecipazione del vescovo di Nola Francesco Marino, quanto sia importante il “dono” di un’opera d’arte, gesto che non solo aumenta il prestigio dei musei, ma rende fruibile ciò che, data la natura privata di una collezione domestica, avrebbe scarsa visibilità.

Le opere di nuova acquisizione sono state messe a disposizione dal Procuratore della Repubblica Antonio Gagliardi e dal Presidente della Corte di Cassazione di Brescia Beniamino Spizuoco. Il dott. Gagliardi già nel 2004 aveva donato al Museo Diocesano due tavolette dipinte raffiguranti l’Annunciazione, opere del pittore marchigiano Francesco da Tolentino, attivo nella prima metà del XV secolo e documentato anche in Campania. Il nuovo dono consiste in una bellissima Adorazione dei pastori attribuita al pittore napoletano Micco Spadaro, o alla sua scuola (saranno ora gli esperti a studiare l’opera), e in una Figura femminile, da identificare come santa o virtù, firmata da Giovanni De Mari, artista dell’ambito di Francesco De Mura, e datata al XVIII secolo (l’ultima cifra è purtroppo illeggibile ma il dipinto è riconducibile agli anni ’60 del Settecento). Il terzo dipinto donato dal procuratore Gagliardi è un olio su cartone raffigura un santo, probabilmente da identificarsi con San Paolo, ed è una riproduzione di un dipinto secentesco, realizzata tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento.

Il dott. Spizuoco, invece, dopo la donazione dello scorso anno che ha affidato al Museo Diocesano una tavola con una raffinata Madonna col Bambino ottocentesca, ha ora regalato un dipinto su ardesia che raffigura Il transito di san Giuseppe, di scuola emiliana. Le nuove opere ampliano dunque l’orizzonte culturale del museo.

Le donazioni sono state ufficialmente presentate al pubblico durante l’evento Dall’Annunciazione all’Adorazione dei pastori, che ha contestualizzato i dipinti in un percorso tematico che ha preso spunto dalle opere che già facevano parte del Museo. Nel corso della visita guidata, il pubblico ha ammirato le pagine miniate di un prezioso breviario medievale, le incisioni di un libro antico a stampa, una scultura lignea raffigurante san Giuseppe e le meravigliose Annunciazioni di epoca rinascimentale esposte nella pinacoteca del Palazzo vescovile, tra cui quella del celebre artista Cristoforo Scacco. A guidare il pubblico alla scoperta dei tesori del museo e a svelare le nuove opere ci ha pensato l’associazione culturale Meridies, che fin dall’istituzione del museo ne cura la valorizzazione in collaborazione con l’ufficio beni culturali e che anche quest’anno, in occasione delle festività natalizie, ha programmato diversi eventi e laboratori che hanno coinvolto soprattutto i bambini.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@sciscianonotizie.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa