Comunicati

Nola, Al Museo Archeologico l’esposizione collettiva “Durante e dopo: Resilenza”

Nola, 12 Febbraio – “Durante e dopo: Resilienza”, l’esposizione collettiva, inaugurata da Villa Sistemi Reggiana il 4 Gennaio scorso ,  resta al Museo Archeologico di Nola fino al 28 febbraio, per il significativo interesse suscitato nei visitatori di tutte le età.
Un percorso affascinante in cui l’arte contemporanea, nata dalla creatività dei giovani artisti , Navid Azimi Sajadi, Penelope Chiara Cocchi, Federica Poletti, Marika Ricchi, Thomas Scalco , Raffaele Avella ( fuori concorso) e di piccoli artisti in nuce, gli studenti dell’I.C De Curtis di Palma Campania,diretti dalla Prof. Maria Teresa Parisi , diviene strumento di solidarietà, di promozione dell’archeologia, d’integrazione tra le generazioni ,di diffusione di metodi didattici innovativi e coinvolgenti.

“In questo mese, la mostra è stata visitata – sottolinea il curatore Antonio Ambrosino –  da adulti e scolaresche del territorio, interessate e partecipative; l’Artist reception di Penelope Chiara Cocchi, intervistata con professionalità dal giovane  del liceo Scientifico II A Francesco Di Palma, si è rivelato per gli alunni dell’ISIS Rosmini di Palma Campania, un importante momento formativo ed educativo, che ha condotto i ragazzi alla conoscenza della ricerca artistica di Penelope e del suo percorso professionale, che seppur inizialmente costellato di difficoltà ed insuccessi, l’ha portata attraverso la strada della resilienza alla creazione degli star gate,opere tecnologiche ed interattive.  Si ringrazia  il dirigente scolastico del Rosmini Maria Grazia Manzo per la grande disponibilità, così come i docenti, l’architetto Salvatore Maffettone, docente di disegno e storia dell’Arte, e Aniello Gemito, presente in veste di consigliere comunale.”

“Il Museo – continua l’arch. Mara D’Onofrio, anch’ella curatrice della mostra, diretto magistralmente dall’architetto Giacomo Franzese –  ha riunito, come in un moderno incubatore,studenti, esperti, artisti, critica e galleristi, assumendo oltre che un ruolo formativo, innovativo ed efficace, anche quello di primo incontro nel mercato dell’arte. Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile l’evento e le successive attività, a Villa Sistemi Reggiana , alla presidente Maria Teresa Crispo e, soprattutto, agli artisti per avere accettato di lasciare le opere in esposizione fino al 28 Febbraio ” .

La mostra, quindi, riparte con le azioni di coinvolgimento e di diffusione dell’arte contemporanea ed attende, in particolare, i partecipanti al corso “Anziani guide della storia. I tesori dell’area Nolana-Vesuviana”, organizzato dall’associazione Ada Napoli e Campania,presieduta dal Dott. Biagio Ciccone, che si riuniranno il giorno 13 Febbraio alle ore 15.30 per partecipare alla visita pratico esperienziale,tenuta dal Direttore Architetto Giacomo Franzese.

Altra occasione per il territorio che grazie alla rete tra soggetti del terzo settore e istituzioni diviene campo per la diffusione dell’arte e della cultura solidali, Villa Sistemi Reggiana , infatti è attiva in campo umanitario ed è impegnata nella costruzione di un orfanatrofio in Congo.

Il museo è accessibile dal Martedì-Domenica 9.00-19.30 , l’accesso alla mostra è gratuito.

Per eventuale sostegno alla costruzione dell’orfanatrofio info@villasistemireggiana.it,

www.villasistemireggiana.it, www.facebook.com/villasistemireggiana

 

    

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print