Comuni

Napoli, Vomero. Via Morghen: reti protettive anche nella sede del Comune

Inagibile da oltre un mese la scala d’accesso all’edificio

 

 

Napoli, 13 Giugno – “Un mese fa avevo segnalato lo stato di degrado nel quale versa il centro polifunzionale, posto al Vomero in via Morghen, 84, di proprietà del Comune di Napoli, dove, nei quattro piani fuori terra, sono ubicati gli uffici anagrafici, la locale sezione dei vigili urbani e gli uffici circoscrizionali – ricorda Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della circoscrizione Vomero -. Purtroppo, a distanza di tempo la situazione non è affatto migliorata, dal momento che non risultano realizzati i lavori necessari per il ripristino dell’edificio “.

“In particolare è ancora interdetto,  con delle barriere in materiale plastico, l’accesso, attraverso le scale, che dalla stessa via Morghen porta ai piani superiori dove sono ubicati anche i servizi anagrafici – puntualizza Capodanno -. La scala è stata considerata poco sicura, e dunque è stata chiusa ma, nonostante il trascorrere del tempo, ancora si deve provvedere a ripristinarne la piena agibilità, consentendo così ai cittadini l’accesso ai servizi erogati attraverso la suddetta scala “.

“Ho anche osservato – sottolinea Capodanno – che, accanto alla struttura interdetta, non vi è nessuno avviso che indichi ai cittadini come, in alternativa, accedere ai piani superiori. Cosa che può anche avvenire recandosi al piano seminterrato, dove è presente un ascensore per accedere ai vari piani ma, evidentemente, chi non conosce quest’ulteriore modalità d’accesso, per non aver mai usufruito in precedenza di questa alternativa, dovrebbe dotarsi di una sfera di cristallo per poterne venire a conoscenza”. 

“Ma i problemi  all’edificio non finiscono qui – prosegue Capodanno -. Si nota, tra l’altro, che l’intradosso del passetto, subito dopo la scala, posto sopra l’accesso al piano seminterrato, che oramai costituisce l’unica via per poter accedere ai piani alti, attraverso l’ascensore, è stato completamente avvolto in reti protettive anticaduta di colore verde, dello stesso tipo di quelle  dellr quali si sta discutendo in questi gironi, a seguito del grave incidente verificatosi in via Duomo, costato la vita a un commerciante. Non solo, sulla facciata attigua si nota la presenza a vista di alcune armature metalliche, in parte trattate con prodotti anticorrosione, a seguito dell’espulsione del copriferro “.

“In un quartiere come il Vomero – osserva Capodanno – ,  dove si contano a decine i fabbricati che da tempo, qualcuno anche da anni, presentano sulle facciate esterne cornicioni e sottobalconi ingabbiati in reti protettive, senza che vengano eseguiti i lavori di ripristino per eliminare definitivamente i problemi manifestatisi, pure per la vetustà di gran parte del patrimonio edilizio, e dove, in un recente passato si sono lamentate numerose cadute di calcinacci, di certo non rappresenta un bell’esempio la presenza delle reti protettive nell’edificio adibito a casa comunale senza che si provveda con la tempestività necessaria ai relativi lavori di ripristino “.

Capodanno al riguardo sollecita gli uffici competenti affinché, effettuati i necessari riscontri e le verifiche del caso, si provveda in tempi rapidi a ripristinare la piena agibilità dell’edificio adibito a sede comunale del quartiere Vomero, consentendo così ai cittadini l’accesso dalla scala esterna, e provvedendo a effettuare tutte le opere di risanamento, atte ad eliminare le cause che hanno determinato l’installazione delle reti protettive.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print