Comuni

Napoli, successo Workshop di Clara Attene su “Strumenti di ricerca e verifica” per OdG

Napoli, 27 Novembre – A fine dicembre 2019 termina il secondo triennio di Formazione Professionale Continua per i giornalisti italiani. Ai sensi dell’art. 3, comma 5, lett. b) della Legge n. 148 del 2011 è stata avviata al 1° gennaio 2014, l’attività obbligatoria di aggiornamento, approfondimento e sviluppo delle conoscenze e delle competenze giornalistiche, base etica e deontologica per la correttezza e la qualità dell’informazione. Il riferimento temporale per tutti gli iscritti all’Ordine dei Giornalisti, Professionisti e Pubblicisti, per quest’ultimo triennio formativo a decorre dal 1° gennaio 2017, termina il 31 dicembre 2019. Per la Campania l’OdG, presieduto da Ottavio Lucarelli, ha predisposto in tutto questo tempo numerose iniziative di FPC con ottimi relatori, in diverse location istituzionali, professionali e dei Beni Culturali, sempre con grandi riscontri di partecipazione dei giornalisti.

Lo scorso 21 novembre a Napoli è stata chiamata Clara Attene, “Google News Lab Teaching Fellow” per un workshop intitolato “Google Strumenti per la Ricerca e la Verifica”. L’evento formativo è stato ospitato presso l’Emeroteca Tucci nel Palazzo delle Poste in Piazza Matteotti a Napoli, dove sono custoditi e consultabili oltre 10.000 titoli fra quotidiani, riviste, annuari e almanacchi, italiani e stranieri, pubblicati sin dal 1648; oltre 45 mila volumi dal Quattrocento ai giorni nostri; una raccolta di bandi, decreti, ordinanze e leggi dal Cinquecento al Novecento; una collezione di manoscritti e lettere inediti di prelati, scrittori, poeti, statisti, autorità pubbliche e militari; una raccolta di manifesti letterari, politici e artistici. Lo storico palazzo, progettato dall’architetto bolognese Giuseppe Vaccaro (1896-1970) al quale si affiancò nella fase esecutiva l’architetto Gino Franzi, venne inaugurato dal Ministro delle Comunicazioni Antonio Stefano Benni.

Clara Attene, che è stata brillante allieva dell’Istituto per la formazione al giornalismo di Urbino, dove oggi è tutor , dove insegno data journalism e co-fondatrice della startup giornalistica torinese Viz&Chips, di elaborazione “dati per creare visualizzazioni servite con sale, pepe e salse sviluppate in casa”, ha  fornito un’utilissima guida sull’utilizzo degli strumenti digitali da applicare nella elaborazione di data journalism, reportage di viaggio, confronto, verifica, è stata assai apprezzata dalla folta platea di giornalisti della Campania.

L’introduzione della relatrice, ripresa dal sociologo e giornalista, Antonio Castaldo, per IESUS Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali, è stata qui postata https://www.youtube.com/watch?v=XEqyrinL-6c&feature=youtu.be .

Ai giornalisti presenti sono stati indicati ed esperiti diversi operatori di ricerca avanzata e verifica, Google Scholar, poi lo strumento di meta ricerca Google Trends, e per la ricerca dati Google Dataset Search, mentre per la traduzione di un centinaio di lingue, Google Traduttore e per l’esplorazione di mappe, sia per i viaggi e sia per il confronto di luoghi degli eventi al fine di darne corretta e circostanziata notizia, Google Earth, Street View e Earth Studio, o attingendo ad altre risorse come Bing Map, Yandex, e Wikimapia. Per la verifica delle immagini si può ricorrere a TinEye,com, oppure a YouTube Data Viewe ed a Reveye Reverse. La Dottoressa Clara Attene ha poi approcciato al delicato argomento del Deep Fakes, ad ai lavori in corso per risolverlo, quindi è passata alle verifiche sui social network con Whopostedwath.com e Verificationhandbook. Quindi ha illustrato il progetto First Draft News, per combattere le “Mis- e Disinformazioni”, fondato nel 201 da nove organizzazioni riunite dal Google News Lab, comprendenti Facebook, Twitter, Open Society Foundation ed altre realtà filantropiche.

A chiusura del suo workshop, la relatrice Clara Attene ha elargito alla folta ed attenta platea di giornalisti, il suo Bonus Track su come sfruttare i servizi Google per trasformare un file audio in testo scritto editabile, molto utile al quotidiano lavoro giornalistico.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa