Politica

Napoli, sopralluogo al carcere di Poggioreale del consigliere Borrelli dopo la protesta per le condizioni di salute di un detenuto

Borrelli:”Si trattava di una semplice occlusione intestinale da codice verde ma strumentalmente hanno vandalizzato suppellettili e quadri elettrici, provocando circa 50mila euro di danni. Sarebbe giusto che li ripagassero di tasca loro. Il padiglione Salerno però va ristrutturato”

 

 

Napoli, 17 Giugno – “Riteniamo gravi e ingiustificabili le vandalizzazioni e gli atti di teppismo messi in atto da circa 220 detenuti del carcere di Poggioreale che, nella giornata di domenica, hanno distrutto suppellettili, bagni, estintori e quadri elettrici del padiglione Salerno, in particolare hanno devastato anche le aree della polizia penitenziaria causando circa 50mila euro di danni. Il motivo della protesta era assolutamente strumentale: lamentavano le mancate cure ad un detenuto che, trasportato poi all’ospedale Cardarelli, è stato classificato come un codice verde con la diagnosi di una occlusione intestinale causata probabilmente da cattiva alimentazione. Ho verificato personalmente le condizioni di salute di questo detenuto e sono buone anche se per precauzione resta sotto osservazione. Sarebbe giusto che i protagonisti di questo atto di inciviltà delinquenziale ripagassero di tasca loro i danni causati”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Non si può negare che alcune aree del carcere necessitino di una riqualificazione, e la direzione mi ha assicurato che a breve saranno avviati i lavori ma tale condizione non autorizza nessuno a danneggiare le strutture. Chi vive nelle case circondariali deve avere rispetto dei luoghi e comportarsi secondo le regole. Nessuna accondiscendenza per i violenti e i teppisti”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print