Comuni

Napoli, Ospedale Loreto Mare. Aggredito e minacciato il primario del Pronto Soccorso: “Ti aspetto all’uscita e ti accoltello”

Borrelli (Verdi): “Superato ogni limite, oramai la situazione è fuori controllo. Cos’altro deve succedere per istituire le postazioni di polizia negli ospedali? Abbiamo presentato una mozione in consiglio affinché la Regione ne chieda l’istituzione”

 

 

Napoli, 30 Settembre – “La settimana inizia decisamente col piede sbagliato. Il primario del Pronto Soccorso dell’ospedale Loreto Mare è stato violentemente aggredito da un energumeno che lo ha preso a schiaffi e lo ha minacciato, promettendo di accoltellarlo alla fine del turno. Oramai si è superato ogni limite, la situazione è decisamente fuori controllo. La spirale di violenza che si è innescata negli ospedali sta assumendo i connotati di uno sprofondo. Più di ottanta aggressioni nel comprensorio partenopeo dall’inizio dell’anno secondo la statistica dell’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”. In pratica lavorare in un nosocomio significa essere esposto, ogni giorno, al rischio di violenze. Ma non finisce qui.  Non dimentichiamo il capitolo a parte degli operatori del 118 che, ogni giorno, rischiano di essere aggrediti in strada”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli. “Il confine ideale tra normalità ed emergenza è stato ampiamente superato. Cosa deve accadere in più per convincere Viminale, Prefettura e Questura ad istituire le postazioni di polizia all’interno degli ospedali. Lo stiamo chiedendo da tempo immemore, abbiamo presentato una mozione in consiglio comunale affinché la Regione ne chieda ufficialmente l’istituzione al Questore di Napoli”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa