Politica

Napoli, No alla rimozione degli striscioni di dissenso nei confronti di Salvini

Verdi: “Il dissenso deve essere sempre consentito fin quando non trascende in offesa. Abbiamo inviato una nota al Prefetto e al Questore per chiedere che i drappi non siano rimossi”

 

Napoli, 15 Maggio – “Nessuno può impedire il dissenso, fino a quando non trascende in offesa; è uno dei principi base della democrazia. Per questa ragione diciamo un secco “no” alla possibilità che gli striscioni che criticano Salvini possano essere rimossi in occasione della visita del leader della Lega a Napoli di giovedì 16 maggio. Ovviamente ci riferiamo agli striscioni che contengono critiche espresse civilmente, senza offese o parolacce. Riguardo questi casi chiediamo che sia consentita la loro esposizione e che nessuno intervenga per farli rimuovere”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “A tal proposito abbiamo inviato una nota al Prefetto e al Questore per chiedere che forze dell’ordine o vigili del fuoco non intervengano per far rimuovere gli striscioni di dissenso nei confronti del ministro dell’Interno e del suo partito. La libertà di espressione rappresenta un principio fondamentale del nostro ordinamento e a nessuno deve essere consentito di imbavagliare i pensieri altrui che, fino a quando restano nel perimetro dell’educazione, devono sempre essere rispettati”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print