Politica

Napoli, Lavori in via Marina. False fatturazioni e frode fiscale: sette persone ai domiciliari

Borrelli: “Meriterebbero di finire ai lavori forzati per completare l’opera. La magistratura proceda spedita, chi ha sbagliato deve pagare”

 

Napoli, 21 Febbraio – “La magistratura proceda spedita. Chi ha sbagliato deve essere punito con la massima severità. Siamo di fronte ad una operazione delinquenziale che ha generato disagi all’intera collettività”.

Così il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli sui sette provvedimenti restrittivi emessi dal Gip del Tribunale di Napoli nei confronti di altrettanti soggetti accusati di false fatturazioni e frode fiscale in relazione al caso dei lavori di rifacimento di via Marina. “Queste persone meriterebbero di finire ai lavori forzati per completare l’opera dopo il danno che hanno provocato ai napoletani.

Al di là dei continui blocchi e dei tempi lunghissimi per il completamento dei lavori, troviamo di eccezionale gravità l’accusa di aver fatto lievitare i costi attraverso false fatturazioni. Qualora tale accusa fosse confermata, auspichiamo massima severità da parte della magistratura. E’ il momento di dire basta ai sistemi delinquenziali che lucrano attraverso gli appalti”.   

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print