Comuni

Napoli, Icm di via Brecce: proteste dei cittadini contro i miasmi

Verdi: “Rassicurazioni dall’amministrazione, la situazione dovrebbe normalizzarsi entro 10-15 giorni. Purtroppo gli incendi agli Stir di Santa Maria Capua Vetere e Casalduni hanno contribuito a ritardare lo svuotamento del sito. Effettueremo un nuovo sopralluogo nei prossimi giorni”

 

 

Napoli, 21 Ottobre – “Comprendiamo perfettamente lo stato d’animo dei cittadini residenti nei pressi dell’Icm di via Brecce che continuano nella loro protesta contro i miasmi provenienti dal sito. Da parte nostra l’impegno è totale, monitoriamo quotidianamente la situazione e stimoliamo l’amministrazione ad adottare soluzioni che permettano di svuotare la struttura. In merito abbiamo ottenuto delle rassicurazioni circa la normalizzazione della situazione entro 10-15 giorni. Purtroppo i ritardi nello svuotamento sono dovuti agli incendi verificatisi all’interno degli Stir di Santa Maria Capua Vetere e Casalduni che hanno determinato dei rallentamenti nelle attività di tritovagliatura necessarie per poter conferire le frazioni al termovalorizzatore di Acerra che, fortunatamente, ha ripreso l’attività a regime”.  

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale del Sole che Ride e presidente della commissione Ambiente Marco Gaudini. “Continueremo a monitorare la situazione con la massima attenzione anche nei prossimi giorni. Effettueremo a breve un nuovo sopralluogo che seguirà quello di settembre. Da parte nostra non si può prescindere dall’orizzonte temporale che ci è stato prospettato. Entro due settimane il sito di via Brecce dovrà essere definitivamente svuotato in modo da liberare i residenti da un disagio che è durato fin troppo”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa