Cronaca

Napoli, guerra fra clan: Killer in azione a Miano uccisi zio e nipote

Napoli, 27 Maggio –  Cinque morti ammazzati in pochi giorni. Due persone sono state uccise a colpi d’arma da fuoco in vico Valente, nel quartiere napoletano di Miano.

Contro di loro sono stati esplosi 20 colpi di arma da fuoco, da sicari che li hanno raggiunti alle 15.15. Le vittime si chiamavano entrambi Carlo Nappello, ed erano zio e nipote, rispettivamente di 44 e 22 anni. Si tratterebbe , secondo le prime indicazioni, di due persone legate all’ omonimo gruppo criminale, vicino al clan Lorusso.

Zio e nipote viaggiavano a bordo di un “Honda Sh”. All’alba in un pub di via Riviera di Chiaia a Napoli, un uomo con il viso nascosto da un passamontagna è entrato nel locale e ha esploso alcuni colpi d’arma da fuoco contro Carmine Picale, 29 anni, già noto alle forze dell’ordine, ferendolo gravemente. L’uomo, di San Giorgio a Cremano (Napoli), è deceduto nell’ospedale Loreto Mare.

Due giorni fa si e consumato un duplice omicidio a Giugliano nel Napoletano. Vincenzo Staterini, 50 anni, e il figlio Emanuele, 29 anni, entrambi pregiudicati per associazione a delinquere di stampo camorristico ed altri reati, sono stati freddati a colpi di pistola all’interno di una tabaccheria in corso Campana, a pochi metri dal Municipio.

I due, secondo quanto ricostruito dalla Polizia sono stati raggiunti nel locale di Corso Campano dove stavano giocando alle slot-machine, da due sicari che hanno aperto il fuoco, uccidendo entrambi.

Se non è una guerra poco ci manca.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa