Comuni

Napoli, Giancarlo Favoccia (Ugl): “Obbrobrio, De Magistris profetizza eserciti salva migranti e poi discrimina quelli iscritti alla Ugl”

Napoli, 28 Gennaio – “La maschera che  indossava il sindaco De Magistris è miseramente caduta, la narrazione che lo vuole amministratore sensibile e vicino agli ultimi ed ai migranti è falsa ed è finalmente giunta ai titoli di coda”. 
Si esprime a chiare lettere il vicesegretario generale della Ugl Giancarlo Favoccia che a Napoli, ricopre il delicato incarico di segretario territoriale. “Faccio fatica a credere che la stessa persona che nel corso di un incontro al Teatro Augusteo ha lanciato la boutade dell’esercito napoletano per salvare i migranti non abbia fatto intervenire l’ivoriana Cristine Mariam Scandroglio. Pare che la colpa della nostra responsabile delle politiche per l’immigrazione – ha proseguito sarcastico il sindacalista – sia quella di non essere ascrivibile agli amichetti del sindaco, a coloro che cioè gli dicono sempre si e che lo sostengono in campagna elettorale. De Magistris ha scritto una pessima pagina di democrazia, Cristine e la Ugl non hanno potuto parlare poichè non sono strumentalizzabili e perché non facenti parte della ‘sua ‘ rete civica”.
“Dagli amici delle altre confederazioni sindacali che a Bari si sono dichiarati antifascisti ed antirazzisti e che fanno visita al Cara ci aspettiamo una levata di scudi volta a stigmatizzare questo comportamento. Forse –  ha concluso Favoccia – gli otto anni di guerra civile vissuti dalla Scandroglio non meritano le attenzioni dei capi di questo fantomatico esercito salva migranti”. 
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print