Sports

Napoli-Frosinone 4-0, gli azzurri non mollano: -8 dalla Juve

Napoli, 8 Dicembre – La Juve domina sempre più il campionato. Allo Stadium cade anche l’Inter, sconfitta di misura grazie al guizzo di Mandzukic. Al Napoli il compito di mantenere ancora vivo un campionato che per certi aspetti sembra oramai aver preso un piega decisamente favorevole ai bianconeri. Al San Paolo è di scena il Frosinone di mister Longo. Sulla carta un match senza storia. Mister Ancelotti in questi giorni è stato chiaro, niente cali di tensione e partita da affrontare con la massima concentrazione. La novità assoluta per gli azzurri è rappresentata dall’esordio di Meret trai pali, il ritorno di Ghoulam sulla fascia sinistra, i primi 90’ da titolare di Luperto al posto dell’infortunato Albiol e i primi degli ultimi venti minuti del match del tedesco Younes. Gli uomini di Ancelotti non si fanno sorprendere, stendono un inconcludente Frosinone per 4-0 e si riportano a meno otto dai campioni d’Italia. Nonostante un preventivato turnover in vista del big match di Champions contro il Liverpool, il Napoli surclassa un timido e imbarazzato avversario, dominando la gara dal primo  fino all’ultimo secondo di gioco. La doppietta di Milik, il super gol di Ounas e la rete di Zielinski, proiettano gli azzurri all’inseguimento di una Juventus che sembra intenzionata a chiudere quanto prima la pratica scudetto.

LA CRONACA.  Trascorrono appena sette minuti di gioco,  gli azzurri subito in vantaggio. Batti e ribatti in area ciociara, la sfera scivola velocemente fuori aria nella zona di Zielinski,  precisa staffilata del polacco che si insacca nell’angolino basso alla sinistra di Sportiello: 1-0. Strapotere del Napoli nel possesso palla, gli azzurri chiudono un frastornato Frosinone nella propria metà campo, incapace di imbastire anche la più elementare azione d’attacco. Scocca il 40’, i partenopei raddoppiano con un eurogol di Ounas. L’algerino fa tutto da solo. Riceve palla sulla trequarti, si accentra e dai trenta metri fa partire una parabola a giro che toglie la ragnatela dall’incrocio dei pali: 2-0. Cala il sipario su un primo tempo completamente nelle mani degli uomini di Ancelotti.

Nella ripresa il Napoli parte subito a mille con due clamorose occasioni da rete buttate al vento. Una di Milik che non concretizza un preciso traversone dalla destra di Insigne e l’altra da Ghoulam, solo davanti a Sportiello piazza il pallone alto sulla traversa. I partenopei comandano in lungo e in largo e al 63’ ancora una clamorosa occasione fallita da Insigne che non concretizza un perfetto assist di Ounas, scaraventando la sfera addosso a Sportiello.  Al 66’ di gioco il Frosinone prende coraggio e si affaccia timidamente dalle parti di Meret con un rito sbilenco di Cassata di tre metri sopra la trasversale. Ma il Napoli non arretra di un centimetro e al 68’ mette nel sacco la terza rete. Calcio d’angolo battuto da Ghoulam, si alza di testa l’ariete Milik e schiaccia con prepotenza la palla nel sacco: 3-0. Il San Paolo canta. Gli uomini di Ancelotti senza freni, rompono gli argini: il cronometro segna 84’ di gioco e arriva la doppietta di Milik. Il nuovo entrato Younes entra in area e dopo una serie di serpentine, cede la sfera centralmente a Ghoulam, l’algerino di prima intenzione pesca smarcato l’attaccante polacco che con grande freddezza insacca la quarta ed ultima rete dell’incontro. Il Napoli dunque non molla la presa e ritorna a meno otto dalla Juventus. Martedì c’è il Liverpool, l’impegno di Champions League decisivo per tutta la stagione.

 Le Formazioni

NAPOLI (4-4-2): Meret; Hysaj, Koulibaly, Luperto, Ghoulam; Ounas, Allan, Hamsik, Zielinski; Insigne, Milik.

A disposizione: Ospina, Karnezis, Mario Rui, Maksimovic, Malcuit, Fabian Ruiz, Rog, Diawara, Younes, Mertens, Callejon. All. Ancelotti

FROSINONE (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Capuano; Zampano, Chibsah, Maiello, Cassata, Beghetto; Campbell, Pinamonti. All. Longo

A disposizione: Bardi, Salamon, Ghiglione, Krajnc, Brighenti, Criseting, Molinato, Volet, Perica, Cassata, Soddimo, Ciano

ARBITRO: Manganiello di Pinerolo. Assistenti: Gori e Tulfo. Quarto Uomo: Volpi. Var: Nasca. A. Var: Longo.

 

Reti: 7’ Zielinski. 40’ Ounas. 68’ Milik. 84′ Milik

Ammonizioni: 32’ Zielinski. 64’Cassata.

Sostituzioni: Al 60’ esce Pinamonti ed entra Ciano. Al 70’ esce Zampano ed entra Ghiglione. Al 71’ esce Ounas ed entra Younes. Al 74’ esce Insigne ed entra Rog. Al 75’ esce Maiello ed entra Soddimo. Al 79’ esce Hamsik ed entra Diawara.

image_pdfimage_print

“Giornalista pubblicista con una grande passione per lo sport, in particolare per il calcio, da sempre definito lo sport più bello del mondo.

Scelgo, ogni volta che scrivo, di essere al servizio della notizia e del lettore, raccontando i fatti con chiarezza ed essenzialità. Credo fermamente che l’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede”.