Comuni

Napoli, Formiche all’ospedale San Giovanni Bosco. Arrivano i provvedimenti disciplinari per la dirigenza: sospensione senza stipendio per l’ex direttore sanitario Matarazzo e l’assistente Pucillo

Verdi: “Il tempo ci ha dato ragione, per primi chiedemmo la sospensione di Matarazzo. Chi ha responsabilità nello scempio che caratterizzò l’ospedale deve pagare”

 

Napoli, 1 Luglio – “Le sanzioni emesse dal Collegio dei Provvedimenti Disciplinari dell’Asl Napoli 1 nei confronti dell’ex direttore sanitario dell’ospedale San Giovanni Bosco Giuseppe Matarazzo e dell’assistente Claudio Pucillo rappresentano delle disposizioni che riteniamo assolutamente giuste e congrue alla luce dell’annosa vicenda delle formiche e degli altri scempi che, in passato, hanno caratterizzato la struttura. Il tempo si è confermato galantuomo e ci ha dato ragione. Per primi chiedemmo la sospensione di Matarazzo che, a più riprese, invece di riconoscere i suoi errori ci attaccò pubblicamente. Ora, come volevasi dimostrare, gli sono state comminate delle sanzioni per una gestione dell’ospedale che abbiamo più volte criticato. Certo le responsabilità non sono solo sue ma è giusto che a pagare per i disservizi siano innanzitutto i vertici soprattutto se immobili e incapaci davanti a problemi degli ospedali”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli commentando la sospensione senza stipendio comminata a Matarazzo e Pucillo. “Le scene che si sono viste al San Giovanni Bosco negli ultimi anni erano agli antipodi degli standard di efficienza, decoro e sicurezza che devono caratterizzare una struttura sanitaria. Dinanzi alle denunce delle criticità l’allora direzione sanitaria si è mostrata a più riprese sorda e inefficiente. Ora le responsabilità sono venute a galla ed è giusto che i responsabili a tutti i livelli ed epoche politiche e istituzionali paghino per i danni che hanno prodotto”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print