Sports

Napoli-Crotone 2-1, azzurri nella storia: 91 punti!

Napoli, 20 Maggio – Al San Paolo di Napoli si gioca l’ultima partita di campionato, gli azzurri affrontano il Crotone costretto alla disperata impresa, gli ultimi fondamentali tre punti per sperare in una complicata permanenza in serie A. Vigilia particolare a Castel Volturno: più che al match contro i calabresi l’attenzione è tutta per Maurizio Sarri. Ancora tante le incertezze sul suo futuro. Quella di oggi, infatti, potrebbe essere l’ultima gara sulla panchina del Napoli.  Da più parti si vocifera che il tecnico toscano nella prossima settimana potrebbe formalizzare a De Laurentiis la volontà di interrompere il rapporto. Il silenzio di Sarri indica che le sue perplessità sono ancora concrete e i dubbi non sono stati eliminati neanche dopo l’incontro avuto in settimana con il presidente. L’allenatore, anche senza la presenza di un’alternativa immediata, potrebbe infatti comunicare la sua volontà di non proseguire. Il gruppo azzurro è legatissimo al suo mister, tutti votano per la sua permanenza, lo ha ribadito Allan, il centrocampista brasiliano protagonista di una straordinaria stagione. ”E’ importante giocare con questo allenatore che ci ha fatto divertire giocando un grande calcio”. Spettacolo commovente al San Paolo, oltre 50mila gli spettatori, una fantastica onda azzurra desiderosa di ringraziare i suoi eroi per la straordinaria stagione. Gli uomini di Maurizio Sarri rispondono a tanto incredibile affetto con una grande prestazione, l’ennesima, superando per 2-1 un avversario completamente annichilito dalla prorompente superiorità azzurra. Milik e Callejon gli autori dei due gol che regalano al Napoli il record dei punti, novantuno, ad un passo dal sogno. Adesso la gara più importante si sposta davanti ad una scrivania con l’imminente decisivo incontro Sarri-De Laurentiis per decidere e costruire il futuro.

 

LA CRONACA. Gli azzurri asfissiano l’avversario fin dai primi minuti di gioco: pressing a tutto campo, repentine verticalizzazioni, gran possesso palla, le prime indicazioni del match. Frenetico ma ragionato il fraseggio del Napoli, velocissime triangolazioni che disorientano i rossoblu calabresi. Al 19’ la prima conclusione pericolosa è di Insigne che si disimpegna in area calabrese e prova la stilettata a giro di poco a lato. Al 22’ gli uomini di Sarri passano in vantaggio. Insigne sfreccia a sinistra, salta il diretto avversario e pennella un cross per Milik che si alza in cielo e schiaccia di testa nel sacco: 1-0. Il Napoli non molla la presa, al 28’ è Allan a rendersi pericoloso con un missile terra-aria che sfiora il palo alla destra di Cordaz. Il gol è nell’aria, al 31’ i partenopei raddoppiano. Il solito Insigne inventa a sinistra un assist per Callejon, lo spagnolo verticalizza con la solita maestria, spingendo in un attimo la palla nel sacco: 2-0. Il Napoli è scatenato, al 41’ è Callejon che da fuori area spara una sberla sulla quale Cordaz in volo plastico tocca con la punta delle dita: la sfera sbatte sulla traversa e va fuori. Cala il sipario su un primo tempo giocato a ritmi altissimi con un Napoli che non lascia scampo al disperato Crotone.

Identico copione caratterizza la ripresa: gli azzurri comandano il gioco e i calabresi completamente in balia delle onde. Al 50’ Insigne cerca gloria con una frustata a giro, la sfera è alta sulla traversa. Passano i minuti e il Crotone si affaccia timidamente dalle parti azzurre approfittando di un paio di calci d’angolo. Ma è solo un attimo, al 55’ infatti è il Napoli che riprende l’iniziativa con una veemente sciabolata a giro di Milik che sfiora la base del palo. I partenopei non calano l’intensità del gioco, schiacciano  un avvilito Crotone, demoralizzato da una oramai imminente retrocessione in serie B. Gli azzurri spingono fino alla fine e all’86’ è Zielinski che da sinistra penetra in area e spara una sberla di pochissimo a lato. Al 90’ arriva il gol della bandiera per il Crotone con una saetta da fuori area di Tumminello. La partita di chiude senza ulteriori sussulti, il Napoli fa suo l’incontro con il record dei punti (91), unica squadra nella storia del campionato italiano che con tale punteggio non vince lo scudetto. Per il Crotone arriva l’amaro verdetto della retrocessione in B.

 

NAPOLI (4-3-3) : Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho, Zielinski; Callejon, Milik, Insigne. Allenatore: sig. Maurizio Sarri

A disposizione: Rafael, Sepe, Maggio, Tonelli, Ghoulam, Rog, Diawara, Hamsik, Mertens, Machach, Milic.

 

CROTONE (4-3-3) : Cordaz; Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella; Barberis, Mandragora, Rodhen; Trotta, Simy, Nalini. Allenatore: sig. Walter Zenga

A disposizione: Festa, Ajeti, Simic, Pavlovic, Izco, Stoian, Zanellato, Crociata, Ricci, Diaby, Trotta, Tumminiello.

Arbitro: Banti di Livorno; Assistenti: Meli-Bottegoni; IV Uomo: Abisso; Var: Valeriani.

Reti: 22’ Milik.31’ Callejon.

Sostituzioni: al 46’ esce Rodhen ed entra Stoian. Al 57’ esce Nalini ed entra Ricci. Al 63’ esce Trotta ed entra Tumminello. Al 66’ esce Milik ed entra Mertens. Al 74’ esce Insigne ed entra Hamsik. Al 77’ esce Allan ed entra Rog.

Note:    – – –

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *