Magazine

Napoli, Cinema Metropolitan. “Sono solo fantasmi”: a Napoli ci sono più fantasmi che a Londra!

Napoli, 18 Novembre – La Indiana Production  e Medusa Filmpresentano un film di CHRISTIAN DE SICA con CHRISTIAN DE SICA CARLO BUCCIROSSO GIANMARCO TOGNAZZI con GIANNI PARISI e con la partecipazione straordinaria di LEO GULLOTTA in collaborazione con Film Commission Regione Campania. Una distribuzione MEDUSA FILM.  Nel cast figurano due giovanissimi attori, Valentina Martone e Francesco Bruni, che interpretano personaggi con espressione dialettale del tutto personalizzata; molto caratteristica e apprezzata la loro interpretazione. 

 La presentazione, per gli addetti stampa, è avvenuta, di recente, nel Cinema Metropolitan di Napoli. Consenso per l’iniziativa da parte degli intervenuti del settore. La trama raccontata Sinteticamente: Thomas interpretato da Christian  De Sica, ex mago in bolletta, e  Carlo  ruolo affidato a Carlo Buccirosso, napoletano,  sottomesso a moglie e suocero settentrionali, sono due fratellastri che si rincontrano dopo anni a Napoli per la morte del padre Vittorio, giocatore incallito e donnaiolo. Scoprono di avere un terzo fratello,   Ugo interpretato da Gianmarco Tognazzi, apparentemente un po’ tonto ma in realtà un piccolo genio. L’eredità, agognata da Thomas e Carlo, sfuma a causa dei debiti del padre e i tre hanno una grande idea: sfruttare la superstizione e credulità napoletana, diventando degli “acchiappa fantasmi”. Proprio quando l’attività inaspettatamente sembra, avere molto successo, lo spirito del padre Vittorio s’impossessa del corpo di Carlo. 

Thomas e Carlo si convincono che i fantasmi esistono davvero.  Inconsapevolmente i tre con la loro impresa hanno risvegliato il fantasma della Janara, una temibile strega che minaccia di distruggere Napoli. Con l’aiuto del padre i tre fratelli cercheranno di salvare la città. Nel corso della conferenza stampa lo stesso De Sica afferma: ”In questo film non volevo una Napoli della camorra ma una città che è quella di Bendetto Croce, di Massimo Troisi e altri”. Riferimenti ci sono come ad esempio a L’oro di Napoli e Filomena Marturano di Eduardo. Emerge, in questo film, una Napoli esoterica: “A Napoli ci sono più fantasmi che a Londra! “. Si legge, per saperne di più, in una nota di regia: “Volevo fare un film horror comedy e avevo chiesto al produttore di trovarmi i diritti del film L’oscar insanguinato con Vincent Price.

Avevo in mente di fare un film, anche con Boldi, in cui due attori ormai falliti, vanno in giro a uccidere i giornalisti e i critici del cinema, insomma un remake. Purtroppo i diritti non si riuscivano a trovare e Guaglione e Menotti mi hanno proposto il soggetto di “ Sono solo fantasmi”, due generi che non c’entrano nulla l’uno con l’altro: l’horror e la commedia. Poi, insieme ad Andrea Bassi e a Luigi Di Capua abbiamo scritto la sceneggiatura e abbiamo iniziato a girare il film. Le riprese sono durate otto settimane ed è stato girato praticamente tutto a Napoli.  La parte più impegnativa è stata trovare il tono giusto tra i due generi, tra l’horror e la commedia. Devi esser in grado di mettere paura ma anche di far ridere, e questa è una cosa completamente nuova per l’Italia”.

 

Antonio Romano

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa