Comuni

Morto il tabaccaio della stazione della metropolitana di Chiaiano, era in gravi condizioni in seguito ad un’aggressione

Verdi: “La giustizia faccia rapidamente il suo corso, il colpevole deve essere punito in modo esemplare. Troppa violenza nelle stazioni, bisogna intervenire”

 

Napoli, 4 Luglio – “Esprimiamo le nostre condoglianze alla famiglia del tabaccaio della stazione della metropolitana di Chiaiano, morto dopo una lunga agonia causata da un’aggressione consumatasi lo scorso 9 giugno. Ora attendiamo che la giustizia faccia il suo corso in tempi rapidi e che il colpevole sia punito con una pena congrua al reato commesso”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Ora è necessario che la morte del tabaccaio non sia dimenticata dalle istituzioni e che si provveda ad offrire alla famiglia tutta la vicinanza possibile in seguito ad un evento grave e inaccettabile come quello che li ha visti vittime. Tale episodio, tra l’altro, riaccende i riflettori sul problema della sicurezza nelle stazioni periferiche delle linee ferroviarie locali. Un problema generalizzato che non riguarda solo la linea 1 della metropolitana di Napoli. Sempre più spesso queste stazioni sono interessati da atti di violenza e teppismo. Occorre analizzare con attenzione quali possano essere le contromisure più efficaci per contrastare tali fenomeni e intervenire in tempi rapidi”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print