Comuni

Maxi incendio in un deposito rifiuti a Sant’Antonio Abate, evacuato il circondario

Verdi: “Sequenza inquietante di episodi delinquenziali legati al mondo dei rifiuti, temiamo che possa esistere un disegno per creare un’emergenza”

 

Sant’Antonio Abate, 13 Giugno – “Siamo molto preoccupati dalla sequenza di atti delinquenziali legati al mondo dei rifiuti che si sta verificando in Campania. L’ultimo episodio, in ordine di tempo, si è verificato a Sant’Antonio Abate dove un deposito di rifiuti è andato a fuoco, generando fiamme alte che hanno indotto i vigili del fuoco a evacuare il circondario. Il fatto si è verificato a poche ore di distanza dall’episodio dei cassonetti dati alle fiamme in pieno centro a Napoli. Non è la prima volta, tra l’altro, che i depositi di rifiuti vanno a fuoco nella nostra regione. Un paio di mesi fa denunciammo un fatto simile che si verificò nel Casertano. Ci risulta difficile pensare che questa catena di eventi sia casuale”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Temiamo – aggiunge Borrelli – che dietro tale sequenza possa esistere un disegno ben preciso volto a creare una nuova emergenza rifiuti nella nostra regione. L’approssimarsi della chiusura del termovalorizzatore di Acerra per la manutenzione straordinaria potrebbe aver scatenato gli appetiti di chi lucra sulle situazioni di carattere emergenziale, inducendo ad un disegno delinquenziale che potrebbe essere pagato a caro prezzo dai cittadini. Continueremo a tenere alta la guardia su tali fenomeni, denunciandoli in tutte le sedi”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print