Comuni

Marigliano, Cerimonia di Premiazione della XIV Edizione del Concorso “Marilianum – Città di Marigliano”

Marigliano, 9 Giugno – Nella stupenda cornice del duecentesco Palazzo Comunale di Marigliano, in un’Aula Consiliare gremita, si è svolta la Cerimonia di Premiazione della XIV Edizione del Concorso “Marilianum-Città di Marigliano”, dedicata alla memoria del Prof. Antonio Pentella, illustre poeta e nostro concittadino. Madrina del Premio la Prof.ssa Lina De Cicco, donna di alta cultura e poetessa, già vincitrice in una precedente edizione.

Presenti in sala, quali rappresentanti del Comune, l’Assessore alla Cultura Dr. Giuseppe Napolitano e la Consigliera Avv. Antonella Uras.

Prima di dare inizio alla manifestazione il Presidente, poeta Vincenzo Cerasuolo, ha dato il benvenuto e ringraziato i poeti, gli scrittori e le autorità.

La manifestazione, condotta con grande maestria dalla ormai storica presentatrice, nonché poetessa, scrittrice attrice e declamatrice, Maria Estella Cartoni, è stata magistralmente allietata dal cantante Franco Esposito, mariglianese, figlio d’arte,  artista più che collaudato, con alle spalle già quattro dischi incisi, che ci ha riportato con la sua voce “soft” indietro nel tempo e dalla flautista Immacolata Ferrigno, diplomata al Conservatorio di San Pietro a Maiella e laureata al Conservatorio di Napoli, che ha accompagnato splendidamente la declamazione delle opere vincitrici e incantato la platea con due pezzi del repertorio classico. 

La Giuria, composta da Anna Bruno (poetessa, scrittrice, critica letteraria e operatrice culturale), Nazario Bruno (poeta e paroliere di molte canzoni, accademico dell’Accademia di Alta Cultura 2000, insegnante in corsi di lingua napoletana), Maria Adelaide Gubitosi  (attrice, poetessa, scrittrice e autrice di testi teatrali), Anna Mucerino (poetessa, scrittrice e critica letteraria), Claudio Perillo (poeta, scrittore, critico letterario e operatore culturale), Mauro Romano (poeta, scrittore, critico letterario, collaboratore di siti giornalistici), Nunzia Sbriglia (umanista, amante della cultura classica e della poesia in particolare), Maria Luisa Sodano (amante della cultura, appassionata e cultrice della poesia napoletana), Franco Trifuoggi (saggista e critico letterario, pietra miliare della cultura mariglianese), dopo attenta valutazione delle opere (poesie e racconti),giunte loro in forma assolutamente anonima, hanno così decretato:

Poesia in lingua: 1° premio a Massimo De Mellis per la lirica “L’insegnante”, 2° premio a Maddalena Venuso per “Mater dolorosa”, 3° premio a Enrico De Martino per “Fremiti di stelle”; menzione d’onore a Vittoria Caso con “S’alzano in volo i sogni” e Flavio Tamiro per “Tuberi e sangue”; segnalazione di merito a Anna Busiello per “Mamma”, Giovanni Malambri’ per “Jacaranda”, Pasquale Martone per “L’artista di strada” e Antonio Pascucci con “Cerco”.

Poesia in vernacolo: 1° premio a Vincenzo Moccia con “’E llettere d’ammore”, 2° premio a Antonio Covino con”Chiammeme”, 3° premio a Gaetano Catalani con “A malerba”; menzione d’onore a Silvana Famiani con “Quanno s’arrevota ’o mare” e Angelo Canino con “Era vita bella”; segnalazione di merito a Maria Clotilde Cundari con “’A vicchiarella”, Gino Abbro con “’O ciuccio” e Francesco Gemito con “’A storia mia

Narrativa: 1° premio a Gabriele Andreani con “Con cento teste e mille occhi”, 2° premio a Patrizio Fiore con “Patatern”, 3° premio a Raffaele Galiero con “È tradizione”; menzione d’onore a Isabella Castelluccio con “Due conti”.

Premio speciale, a Anna Maria Deodato con la lirica “Il profumo delle zagare in fiore”, offerto dall’Associazione “Napoli Cultural Classic” e ” a Renato Di Pane col racconto “La forza della vita”, offerto dall’Associazione “L’Aurora.

Premio alla carriera a Fausto Marseglia, poeta di grande spessore, sia in lingua italiana che napoletana, vincitore di tantissimi premi in tutta Italia.

Prima dell’ultimo e  lungo applauso finale, la presentatrice, nel dare appuntamento alla XV Edizione, ha invitato i presenti ad un buffet offerto dalla Pasticceria “Di Benedetto” e dalle Enoteche “Il torchio” e “Il torchio2”.  

image_pdfimage_print

Mi piace scrivere, l’ho sempre fatto sin da ragazza. Raccontavo a me stessa le cose della vita, i miei pensieri, le mie aspettative, i miei sogni….L’ho trovato sempre coinvolgente ed appagante! Oggi questa mia passione di scrivere , di comunicare non è più fine a me stessa ma rivolta agli altri cercando di fornire informazioni in modo semplici, originali e chiare rispondendo alle esigenze del mio target…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *