Comunicati

Mariglianella, Agrimonda. Principato (M5S):”Individuare quanto prima nuovi impianti per conferimento rifiuti. Ulteriore danno per i cittadini avere ancora in casa nostra un mostro da oltre 23 anni”

Mariglianella, 28 Luglio – Mercoledì 25 luglio 2018, su mia richiesta, in qualità di portavoce comunale del M5S di Mariglianella ho partecipato alla riunione del tavolo tecnico dei lavori di rimozione di #Agrimonda #Mariglianella (ex azienda di fitofarmaci distrutta dall’incendio nel lontano 1995), per un aggiornamento sullo stato di avanzamento dei lavori in corso. Presenti: Il sindaco di Mariglianella, il presidente del consiglio di Marigliano, Arpac, ASL, Regione Campania e la ditta esecutrice dei lavori.
In sintesi la situazione è critica. L’ultimazione dei lavori era il 06/07/2018, e non è stata concessa ulteriore proroga richiesta dalla ditta, non avendo al momento dati certi per un nuovo cronoprogramma, anche alla luce degli ultimi eventi quale il congelamento della ricezione dei rifiuti da parte di impianti di trattamento individuati precedentemente dalla ditta (impianto PBR di Brescia), a causa di problemi odorigeni.

 Pertanto, la ditta sta lavorando in penale per ritardata consegna dei lavori, effettuando sul cumulo ulteriore cernita del materiale finalizzata a separare il terreno da materiale plastico al fine di facilitare le operazioni di conferimento. Ad oggi, a fronte delle 4.800 tonnellate originariamente presenti sul sito sono rimaste circa 1.200 tonnellate di rifiuti speciali pericolosi, e sono state conferite circa 400 tonnellate.

Inoltre, per cercare di abbattere la forte puzza, la ditta ha ordinato degli enzimi previsti l’arrivo sul sito per oggi, per fare una prova e cercare di abbattere gli odori. 

Una puzza che ha creato non pochi disagi ai residenti, causa dei fastidi odorosi ancora avvertiti, anche in assenza di superamenti dei limiti di legge, purtroppo costretti su base volontaria a lasciare le proprie abitazioni e attualmente ospitati in albergo.

Ci auguriamo, visto l’impegno assunto dalla ditta, che quanto prima riesca ad individuare nuovi impianti per il conferimento dei rifiuti ancora stoccati sul sito, perché sarebbe un fallimento per tutti i soggetti attori di questa rimozione. 

Ma soprattutto un danno ulteriore per noi cittadini che abbiamo questo mostro da ben 23 anni in casa nostra.
Il rischio di non trovare impianti è alto, e ciò determina ancora una volta che la Regione Campania anche alla luce di ciò che sta avvenendo in questi giorni, ha redatto un piano Regionale sui rifiuti che non corrisponde alla vera esigenza della realtà. Un ciclo sui rifiuti che non si chiude. 
Continueremo a seguire i lavori e Vi terremo aggiornati. 

 

Pina Principato portavoce Movimento 5 Stelle
#M5SMariglianella

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *