Politica

M5S – Lega e anche un po’ PD: è guerra sui social

Napoli, 9 Agosto  – una sensazionale esplosione, come poche nei tempi dei big data in Italia. Il governo ha ancora pochi giorni di vita, destinata a finire l’egemonia gialloverde causa rottura del contratto di governo manifestata con la sfiducia al Senato ai danni di una mozione dei penta stellati, l’ultima promessa non dispensata al popolo italiana, la TAV si farà!

Non una guerra di programmi ma una guerra social si è già scatenata. Le home sono completamente intasate da  post, foto ritoccate e dichiarazioni pubbliche. I 5 stelle sono ripartiti, tutti, tra deputato, senatori, consiglieri comunali e addetti ai lavori. Sono partiti con la condivisione in massa delle ragioni della rottura con Lega. Altrettanto la pagine del leader della Lega, Salvini è in continuo aggiornamento dalla notte di ieri. Il partito democratico, con metodo social arretrato anche sta dicendo la sua ma con numeri molto, molto bassi rispetto agli altri due antagonisti. Uno sbilanciamento della realtà, dove quasi sicuramente c’è un non dichiarato zampino straniero per la diffusione delle news e delle fake news.

Ma la realtà dov’è? Le leggi non sono analizzate. E’ un mix di personalismi. Perché le ripercussioni degli italiani non sono ancora importanti e loro non ne sono altrettanto interessati. Vogliono solo seguire la bagarre social con toni molto aggressivi. Ci si avvicina alla votazione sulla sfiducia nella settimana più calda di ferragosto e si preannuncia una carneficina. Mattarella ( e Salvini ) hanno intenzione di velocizzare ed evitare governi tecnici preludendo ad elezioni a ottobre.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print